Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Utopia (concetto)

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search
Nuvola apps xmag.png Per approfondire, vedi Utopia.
bolo'bolo è un romanzo anarchico dello scrittore svizzero anarchico conosciuto come P.M.
Il termine utopia deriva dal greco οὐ (non) e τόπος (luogo), quindi significherebbe «luogo inesistente» o «luogo perfetto». È entrato nell'uso comune grazie all'omonima opera di Tommaso Moro del 1516.

L'utopia prima di Moro[modifica]

Uno dei primi esempi di quelle teorie, che da Moro in poi si chiameranno utopie, è stata La repubblica di Platone. In quest'opera vengono delineati i tratti principali di una comunità  ideale in cui regna la pace e la giustizia. Secondo molti studiosi "tracce" di utopia si possono riscontrare anche in alcune opere di Aristofane, Plutarco, Ovidio e Orazio.

L'utopia di Moro[modifica]

In l'Utopia (Libellus vere aureus, nec minus salutaris quam festivus de optimo rei publicae statu, deque nova insula Utopia è il titolo completo), Tommaso Moro vagheggia l'abolizione della proprietà  privata, la tolleranza religiosa e una vita ideale per i cittadini, in cui essi hanno molto tempo da dedicare ai propri piaceri. Non è ben chiaro se Moro intenda l'utopia come «regno perfetto della felicità » o «luogo inesistente» oppure entrambi.

Il dopo Moro[modifica]

Subito dopo l'Utopia di Tommaso Moro, viene pubblicato La Città  del Sole (1602) di Tommaso Campanella, La Nuova Atlantide (1622) di Francesco Bacone, Novae Solymae libri sex (1648) di Samuel Gott e altri minori.

L'utopia sociale e politica[modifica]

Alcune opere successive a quella di Moro auspicavano una sorta di comunismo idealistico. Tra questi: Viaggio in Icaria (1840) di Etienne Cabet, La Razza Futura (1871) di Edward Bulwer-Lytton e Notizie da Nowhere (1890) di William Morris. Col passare del tempo la parola utopia assume il significato di "chimera", "impossibile", "irrealizzabile", ecc. Al contempo l'utopia diviene anche una critica della realtà , assumendo le caratteristiche di un'idea tesa al raggiungimento della felicità  dei popoli. Questa idealizzazione ha portato allo sviluppo di una sorta di socialismo idealistico, che Marx definisce socialismo utopistico, considerato precursore del comunismo e dell'anarchismo, e di cui si possono ricordare le opere di Robert Owen, Saint-Simon, Fourier e altri minori.

Ideologia e utopia[modifica]

Il concetto di utopia viene ripreso nel XX secolo da Karl Mannheim, teorico della «sociologia della conoscenza», nel suo saggio Ideologia e utopia pubblicato inizialmente nel 1929 e diffusosi nei decenni successivi. Qui l'utopia viene vista quasi come motore dell'ideologia, come una verità  prematura. Una visione è utopica quando è in contraddizione con il presente. Ma solitamente la definizione di cosa sia oggi utopico viene data da chi oggi è al potere.

Utopia ed utopismo[modifica]

La proposta romanzata di una società  radicalmente diversa da quella esistente (utopia) può essere concettualmente distinta dall'azione organizzativa per la realizzazione di un diverso ordine sociale (utopismo). Mentre l'utopia non ha mai suscitato aspre opposizioni (nemmeno da parte del potere costituito), l'utopismo ha sollecitato, soprattutto dopo la rivoluzione francese e ancor più dopo quella russa, una reazione diffusa. Nei secoli XIX e XX, parallelamente al discorso utopico, si snoda senza soluzione di continuità  un'opposizione critica che coinvolge pensatori di ogni tendenza: conservatori che temono venga turbato l'ordine esistente, moderati illuminati consapevoli dell'esistenza di forze innovative inarrestabili seppure pericolose, progressisti e rivoluzionari gelosi del loro progetto di mutamento e avversari accaniti di quelli altrui.

L'utopismo di Pierre Joseph Proudhon[modifica]

Pierre-Joseph Proudhon

Colui che la storia ci ha consegnato come il più importante utopista anarchico è Pierre Joseph Proudhon, il quale, tuttavia, ci appare per molti versi meno utopista di chi lo utopista lo definiva (a cominciare da Marx):

«Guai, dice Proudhon, se arrivassimo a un tipo di società  dove non ci fossero più contraddizioni, non ci fossero più conflitti, in cui tutti gli esseri fossero soddisfatti: verrebbe a mancare l'attenzione verso soluzioni migliori, l'attenzione verso il perfezionamento continuo della società . Proudhon, quindi, è senz'altro un critico del perfettismo, un critico del messianismo rivoluzionario, vale a dire dell'idea che qui ed ora, sulla terra, sia possibile trovare una organizzazione sociale tale per cui tutte le imperfezioni della condizione umana e tutte le imperfezioni della vita in comune siano, quasi magicamente, eliminate. Da questo punto di vista, Proudhon è senz'altro assai poco utopista. È molto più utopista Marx, proprio perché la meta finale di Proudhon e il modello di società  che aveva in mente, tutto sommato, era un modello abbastanza realistico, che si basava su due idee fondamentali:
1) il mutualismo e l'autogestione
2) l'idea del federalismo».
(Luciano Pellicani)


L'anarchia non è un'utopia[modifica]

L'anarchia non è utopia
«Le utopie autoritarie del XIX secolo, sono principalmente responsabili dell'atteggiamento antiutopistico prevalente tra gli intellettuali di oggi. Ma le utopie non hanno sempre descritto società  irreggimentate, stati centralizzati e nazioni di robot. Tahiti di Diderot o Notizie di Morris ci hanno presentato utopie in cui gli uomini erano liberi da costrizione sia fisica che morale, in cui essi lavoravano non per necessità  o per un senso di dovere ma perché trovavano il lavoro un'attività  piacevole, in cui l'amore non conosceva leggi ed in cui ogni uomo era un artista. Le utopie sono state spesso progetti di società  che funzionavano meccanicamente, strutture morte da economisti, politicanti e moralisti; ma esse sono anche stati i sogni viventi di poeti.» (Maria Luisa Berneri, Journey through Utopia)

Nonostante il pensiero comune l'anarchia non è un'utopia (nell'accezione di progetto irrealizzabile). Innanzitutto, per gran parte della sua storia l'umanità  è vissuta senza alcuna archia (inteso come “potere”, “dominio”), poi, anche in epoche successive, vi sono state numerose esperienze anarchiche (vedi, per esempio, Ucraina libertaria e Rivoluzione spagnola), infine, l'anarchico può vivere immediatamente, seppur con i limiti e le contraddizioni che naturalmente si ingenerano in un sistema capitalistico, il suo essere anarchico.

Citazioni[modifica]

  • «Un uomo senza sogni, senza utopie, senza ideali sarebbe un cinghiale laureato in matematica pura». (Fabrizio De André)
  • «L'utopia sta all'orizzonte. Mi avvicino di due passi, lei si allontana di due passi. Faccio dieci passi e l'orizzonte si allontana di dieci passi. Per quanto cammini, non la raggiungerò mai. A cosa serve l'utopia? A questo: serve a camminare.» (Eduardo Galeano)

Voci correlate[modifica]

Anarcopyright.png
Hanno contribuito
alla stesura di questa
voce i sostenitori dell'anarcopyright.