Discussion about terms of use is ongoing | 4th General Meeting

Unione Sindacale Italiana

Da Anarcopedia.

Logo AIT
Unione Sindacale Italiana
Nome ufficiale Unione Sindacale Italiana
Anno di fondazione 1912
Organo propagandistico Lotta di Classe
Corrente Anarco-sindacalismo
Membro di Associazione Internazionale dei Lavoratori (anarco-sindacalista)
Paese Italia
Sede centrale Milano, via Torricelli 19 -
Segretario generale -
Affiliati -
Sito Web ufficiale www.usi-ait.org

L'Unione Sindacale Italiana (U.S.I.) è una storica organizzazione sindacalista rivoluzionaria italiana nata nel 1912 in seguito alla scissione dalla Confederazione Generale del Lavoro (CGdL) della corrente sindacalista rivoluzionaria guidata da Alceste De Ambris. [1]

Indice

[modifica] Storia dell'USI

[modifica] Nascita dell'USI

L'U.S.I. nacque a Modena nel 1912 durante un convegno tenutosi il 23, 24 e 25 novembre:

«(L'assemblea) Delibera quindi;
in omaggio a questi criteri di dar vita ad un nuovo organismo nel quale d'accordo con tutte le forze operaie organizzate - estranee alla Confederazione Generale del Lavoro - sia possibile realizzare seriamente la realizzazione dell'Unità Proletaria Italiana, sulle indicate basi dell'aconfessionalismo, dell'apoliticismo di partito e dell'autonomismo sindacale.
Il Congresso fa però invito alle organizzazioni che accettano quest'ordine di idee di aderire senz'altro al nuovo Istituto Unitario lasciandole libere di tenere verso gli organismi nazionali esistenti quell'atteggiamento che crederanno più conveniente ai fini della conservazione dell'unità locale".
Messe ai voti le due mozioni, Bitelli e De Ambris, risultarono a:
DE AMBRIS, voti: 42.114
BITELLI, voti: 28.856
Astenuti, voti: 6.253
Era così nata l'Unione Sindacale Italiana.» [2]

I congressisti, in gran parte sindacalisti rivoluzionari proveniente dalla C.G.L, ritenevano infatti che tale sindacato fosse ormai troppo asservito alla politica portata avanti in parlamento dal Partito Socialista. All'U.S.I. aderirono rapidamente tutte le camere del lavoro più di sinistra (tra cui, in Emilia, le Camere del Lavoro di Bologna, Modena, Parma, Piacenza e Ferrara), rinsaldando le file organizzative del sindacalismo rivoluzionario nato e sviluppatosi subito dopo il primo sciopero nazionale in Italia del 1904.

Manifesto dell'USI-1913

Durante i suoi primi anni di vita l'organizzazione fu impegnata in una serie di lotte tendenti a migliorare le condizioni di vita e di lavoro dei proletari, senza mai trascurare l'impegno antimilitarista che la caratterizzerà nel corso di tutta la sua storia. Immediatamente si contrappose alla Confederazione Generale del Lavoro per la sua politica rivoluzionaria ed intransigente, per il rifiuto di collaborazione con qualsiasi partito politico, per la sua volontà di organizzare anche i lavoratori non qualificati, per il suo rifutare qualsiasi collaborazione con lo Stato, per l'azione diretta e la non esclusione a prescindere della violenza.

Il II° Congresso dell'USI si tenne a Milano, dal 4 al 7 dicembre 1913.

[modifica] La prima guerra mondiale

Alla vigilia del primo conflitto mondiale fu attraversata, come le altre organizzazioni della sinistra, dal ciclone dell'interventismo. Espulsi coloro che, al suo interno, si erano schierati per l'intervento militare dell'Italia contro l'Austria e la Germania (De Ambris, Corridoni e, in un primo tempo, Di Vittorio), l'U.S.I. continuò, sotto l'impulso di militanti quali Armando Borghi, fondatore nel 1915 dell' organo propagandistico dell'USI «Guerra di Classe», e Alberto Meschi, a propagandare coerentemente l'antimilitarismo.

A guerra conclusa, nel corso delle lotte che portarono il paese molto vicino alla rivoluzione sociale, l'organizzazione raggiunse la sua massima consistenza numerica (circa mezzo milione di iscritti). In quel periodo aderì all'A.I.T) cui è affiliata la maggior parte dei sindacati autogestionari esistenti a livello mondiale.

Poco prima dell'avvento del fascismo si tenne il 3° e il 4° congresso dell'organizzazione:

[modifica] Durante il fascismo

A partire dal 1920, come molte organizzazioni di "sinistra", subì la repressione del regime fascista. In quegli anni si oppose al fascismo insieme agli Arditi del Popolo in una lotta che culminò nella Battaglia di Parma del 1922.

Lotta di classe, n° 125, giugno 2012

Lentamente diminuì la sua attività e la sua efficacia, siano a quando il fascismo ne soppresse ogni attività nel 1925. Da quel momento l'U.S.I.-A.I.T continuò a vivere nell'esilio e nella clandestinità, partecipando alla rivoluzione spagnola del 1936 in appoggio al sindacato CNT-A.I.T. e, attraverso l'impegno dei suoi militanti, alla resistenza antifascista.

[modifica] Il secondo dopo-guerra

Nel secondo dopoguerra, con l'avvento della repubblica, coloro che avevano militato nell'U.S.I. rinunciarono, inizialmente, a ricostituirla, per collaborare invece alla costruzione del sindacato unitario C.G.I.L Solo nel 1950, con la rottura dell'unità sindacale, alcuni di loro ricostituirono l'U.S.I.-A.I.T che però, fino alla fine degli anni sessanta, fu realmente attiva solo in poche regioni italiane. Nel 1968 «Guerra di Classe» cambiò denominazione in «Lotta di Classe» [3] , il cui primo numero fu editato in occasione del 1 maggio 1969.

Nella "seconda metà degli anni 70", nasceva, in seno al movimento anarchico italiano, la proposta di ricostruire L'Unione Sindacale Italiana. Al "congresso di Genova" del 1978, organizzato per questo scopo, si sono affrontate due posizioni che, alla fine, hanno portato da una parte alla ricostituzione dell'USI e dall'altra alla nascita del Comitato d'azione diretta (CAD).

Oggi l'U.S.I.-A.I.T. si presenta come sindacato autogestionario, che si caratterizza per la struttura organizzativa libertaria e federalista (sindacato autogestito), per il suo impegno a favore dell'autorganizzazione dei lavoratori (alla quale, ogni qualvolta è possibile, non intende sostituirsi), per la prospettiva in cui si muove, che rimane quella della costruzione di una società socialista e libertaria.

Tra i suoi obiettivi principali figurano la riduzione dell'orario di lavoro a parità di salario, un reddito minimo garantito per i disoccupati, la difesa della sanità, dell'istruzione e della previdenza pubblica, la smilitarizzazione del paese, ecc.

Manifesto dell'USI-AIT in occasione del quarantennale della strage di Piazza Fontana e dell'uccisione di Giuseppe Pinelli, anarchico e militante USI

[modifica] L'U.S.I. non è un'organizzazione anarchica

L'U.S.I. «si ricollega alla tradizione storica del sindacalismo rivoluzionario ed autogestionario e si pone come alternativa di classe ed organizzazione di tutti gli sfruttati, gli emarginati, gli oppressi».

Lo statuto dell'U.S.I. si ispira ad alcuni concetti dell'anarchismo quali il federalismo, l'autogestione, l'azione diretta, l'«emancipazione dell'uomo da qualsiasi dominio economico, politico e morale», l'«eliminazione di ogni forma di sfruttamento e di oppressione dell'uomo sull'uomo», l'«abolizione dello stato e dei dogmi». Scopo dell'U.S.I. è quello di «sostituire alla presente società autoritaria e capitalista, l'organizzazione federalista e razionale della produzione e della ripartizione, alla lotta fra gli uomini la solidarietà umana».

L'U.S.I. fa parte della Coordinazione Internazionale Rossa & Nera, mentre l'U.S.I.-A.I.T. è membro dell'Associazione Internazionale dei Lavoratori (anarco-sindacalista). Entrambe hanno un giornale ufficiale dal nome «Lotta di Classe» (periodico anarco-sindacalista), già «Guerra di Classe» (fondato nel 1915 da Armando Borghi).

Ciò premesso e benché tanti anarchici siano stati il motore trainante dell'U.S.I. ed ancor oggi vi facciano parte, l'U.S.I. non è un'organizzazione anarchica: «l'U.S.I. non è tributaria di alcun partito politico, movimento specifico, filosofico e religioso (nemmeno quello anarchico)».

[modifica] Bibliografia

  • Antonioli M, Armando Borghi e l’Unione Sindacale Italiana, Lacaita, 1990.
  • Antonioli M, Azione diretta e organizzazione operaia. Sindacalismo rivoluzionario e anarchismo tra la fine dell’Ottocento al fascismo, Lacaita, 1990
  • Bitelli G, Filippo Corridoni e il sindacalismo operaio d’anteguerra, Modernissima, 1925
  • Borghi A, Mezzo secolo d’anarchia, Anarchismo, 1978.
  • Careri G, Un progetto autogestionario, l’USI dalle origini ad oggi, USI, 1991.
  • Carocci R, Il sindacalismo d’azione diretta. La Lega Generale del Lavoro, Roma 1907-1910, “Giornale di Storia Contemporanea, n 1, 2011
  • D’Alterio D, Vincenzo Cardarelli sindacalista rivoluzionario, Bulzoni, 2005
  • De Clementi A, Politica e società nel sindacalismo rivoluzionario (1900-1915), Bulzoni, 1987
  • De Felice R, Sindacalismo rivoluzionario e fiumanesimo, Morcelliana 1960
  • Furiozzi GB, Alceste De Ambris e il sindacalismo rivoluzionario, FrancoAngeli, 2000
  • Furiozzi GB, Il sindacalismo rivoluzionario italiano, Mursia, 1977
  • Furiozzi GB, Le interpretazioni del sindacalismo rivoluzionario italiano, 1985
  • Goddi F, Tullio Masotti. Biografia di un sindacalista rivoluzionario, “Giornale di Storia Contemporanea” n.1, 2011.
  • Landi G, Tra anarchismo e sindacalismo rivoluzionario: Armando Borghi, 1986
  • Marucco D, Arturo Labriola e il sindacalismo rivoluzionario, Einaudi 1970
  • Osti Guerrazzi A, De Ambris, l’Unione Sindacale Italiana e l’intervento, “Giornale di Storia Contemporanea”
  • Osti Guerrazzi A, L’utopia del sindacalismo rivoluzionario. I primi due congressi dell’Unione Sindacale Italiana (1912-1913), Bulzoni,
  • Pistillo M, Giuseppe Di Vittorio dal sindacalismo rivoluzionario al comunismo (1907-1924), Editori riuniti, 1977
  • Riosa Alceo, Il sindacalismo rivoluzionario il Italia e la lotta politica nel PSI in età giolittiana, De Donato, 1976
  • Serventi Longhi E, De Ambris. L’utopia concreta di un rivoluzionario sindacalista, Franco Angeli, 2012.
  • Vanzetti B, Scritti sul sindacalismo, Antistato, 1955.

[modifica] Voci correlate

[modifica] Collegamenti esterni

[modifica] Note

Strumenti personali
Altre lingue