Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Sulla scuola (di Michail Bakunin)

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search

Sulla scuola è un testo anarchico di Michail Bakunin. L'anarchico russo denuncia l'indottrinamento a cui si vien sottoposti nelle scuole sin da bambini, auspicando un insegnamento dedito all'emancipazione umana piuttosto che all'accettazione dell'ordine costituito.

Sulla scuola[modifica]

I preti di tutte le chiese, lungi dal sacrificarsi al gregge confidato alle loro cure, lo hanno sempre sacrificato, sfruttato e mantenuto al livello di mandria, in parte per soddisfare le loro passioni personali, ed in parte per servire l’onnipotenza della Chiesa. Le stesse condizioni, le stesse cause producono sempre gli stessi effetti. Lo stesso accadrà  dunque per i professori della Scuola moderna, divinamente ispirati e patentati dallo Stato. Diverranno necessariamente, alcuni senza saperlo, altri con piena conoscenza di causa, gli insegnanti della dottrina del sacrificio popolare alla potenza dello Stato e a profitto delle classi privilegiate.

Occorrerà  dunque eliminare dalla società  ogni insegnamento ed abolire tutte le scuole? Tutt’altro. È necessario anzi diffondere a piene mani l’istruzione nelle masse, e trasformare tutte le chiese, tutti questi templi dedicati alla gloria di Dio e all’asservimento degli uomini, in altrettante scuole d’emancipazione umana. Ma, anzitutto, intendiamoci: le scuole propriamente dette, in una società  normale, fondata sulla uguaglianza e sul rispetto della libertà  umana, dovranno esistere solo per i fanciulli e non già  per gli adulti, e, perché esse diventino scuole di emancipazione non di servitù, bisognerà  eliminare, prima di tutto, questa finzione di Dio, l’oppressore eterno e assoluto; e bisognerà  fondare tutta l’educazione dei fanciulli e la loro istruzione sullo sviluppo scientifico della ragione, non su quello della fede; sullo sviluppo della dignità  e dell’indipendenza personale, non su quello della pietà  e dell’obbedienza; sul culto della verità  e della giustizia, e prima di tutto sul rispetto umano, che deve sostituire in tutto e ovunque il culto divino. Il principio dell’autorità , nell’educazione dei fanciulli, costituisce il punto di partenza naturale; esso è legittimo, necessario, allorché è applicato ai fanciulli in tenera età , allorché la loro intelligenza non è ancora in alcun modo sviluppata; ma appena lo sviluppo di ogni cosa, e per conseguenza anche dell’educazione, comporta la negazione successiva dei punti di partenza, questo principio deve ridursi gradualmente a misura che avanzano l’educazione e l’istruzione, per far posto alla libertà  che ascende. Qualsiasi educazione razionale non è in fondo che la eliminazione progressiva dell’autorità  a profitto della libertà  giacché lo scopo finale dell’educazione dev’essere quello di formare degli uomini liberi e pieni di rispetto e d’amore per la libertà  altrui. Così il primo giorno della vita di scuola, se la scuola prende i fanciulli di tenera età , quando essi cominciano appena a balbettare qualche parola, deve essere il giorno dell’autorità  più severa e dell’assenza quasi completa della libertà ; ma il suo ultimo giorno deve essere quello della più grande libertà  e dell’abolizione assoluta di ogni traccia del principio animale o divino dell’autorità .

Il principio d’autorità , applicato agli uomini che hanno sorpassato o raggiunto la maggiore età , diventa una mostruosità , una negazione intellettuale e morale. Sventuratamente, i governi paternalistici hanno lasciato marcire le masse popolari in una così profonda ignoranza, che sarà  necessario fondare delle scuole non solamente per i figli del popolo, ma per il popolo stesso. Da queste scuole dovranno essere assolutamente bandite le più piccole applicazioni o manifestazioni del principio di autorità . Non saranno più scuole, saranno accademie popolari in cui non ci sarà  più questione né di scolari, né di maestri, dove il popolo verrà  liberamente a prendere, se lo trova necessario, un insegnamento libero, e nelle quali, ricco della sua esperienza, potrà  insegnare, a sua volta, molte cose ai professori che gli apportano cognizioni che egli non ha. Questo sarà  dunque un insegnamento scambievole, un atto di fraternità  intellettuale tra la gioventù istruita e il popolo.

Voci correlate[modifica]

Copyright63px.png Testo di libera utilizzazione ai sensi della legge 22 aprile 1941, n. 633.