Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Serafino Massoni

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search
Wikipedia.png
Questa voce è ospitata su Anarcopedia in quanto è stata censurata in modo fascista dagli amministratori di Wikipedia.

Serafino Massoni (Volta Mantovana, 7 febbraio 1940) è uno scrittore e saggista italiano. È noto anche per la sua intensa attività  su YouTube, iniziata nel 2007: conta numerosi video pubblicati sul suo sito personale in cui espone le sue posizioni su filosofia, politica, religione, e saggistica varia. È noto anche per la sua intensa attività  su YouTube, iniziata nel 2007: conta numerosi video pubblicati sul suo sito personale in cui espone le sue posizioni su filosofia, politica, religione, e saggistica varia. Considerato un vero e proprio maestro della promozione via web, ha suscitato polemiche la cancellazione da wikipedia dell'articolo sulla sua biografia.[1]

Biografia[modifica]

Massoni studia storia e filosofia all'università  ed ottiene l'abilitazione all'insegnamento liceale nelle suddette materie.[2] Durante la sua carriera di dirigente scolastico di licei statali pubblica alcuni romanzi a carattere prevalentemente storico-mitologico e opere di critica letteraria e sociologia. Ritiratosi in pensione, si dedica completamente alla sua attività  di scrittore e contemporaneamente svolge attività  divulgativa online commentando via webcam notizie di cultura ed attualità  utilizzando il suo canale Youtube dedicato alla sua opera La stirpe del serpente come egli stesso ha asserito in più video. È stato a sua volta oggetto di satira e imitazioni..

Pensiero[modifica]

Passaggio dal matriarcato al patriarcato[modifica]

Come esposto in molti dei suoi romanzi in forma metaforica, Massoni ritiene che le società  occidentali fossero in principio caratterizzate da una struttura matriarcale, il passaggio a una organizzazione patriarcale della vita associata si sarebbe concretizzato solo intorno al 1000 a.C., a partire dalla civiltà  Micenea e attraverso l'influsso preponderante della cultura e religione monoteistica di ascendenza giudaica. [3]. Alle radici di ciò vi sarebbe stata la presa di coscienza dell'esistenza di una paternità  individuale dei figli, sconosciuta ai tempi del matriarcato, da qui la genesi del concetto di proprietà  privata (dei figli innanzitutto e quindi dei beni), la suddivisione della società  in nuclei famigliari retti da un "pater familias" e l'avvento della fede monoteistica a sostituzione delle credenze animiste.[4][5].

Religione e scienza[modifica]

La ragion d'essere della fede si rintraccerebbe nell'atavica paura umana della morte e nel desiderio umano di vivere per sempre. Nella società  contemporanea la scienza starebbe via via affermandosi come nuova fede in grado di offrire speranza all'uomo. Massoni critica entrambi i credi, mettendone in luce le rispettive incongruenze logiche e filosofiche. Vede la nascita della religione monoteista come proiezione umana della società  e della paura della morte[6]. Riprendendo tematiche schopenhaueriane, egli contesta l'interpretazione positiva del progresso come reale soluzione dei mali dell'uomo che alla fine sotto ogni governo o epoca si dibatte sempre tra una quantità  di problemi costanti che lo rendono, suo malgrado, la più infelice delle specie animali. In molti video si è dichiarato inoltre ammiratore del pensiero stoico e buddhista. Massoni non considera il suicidio come deplorevole, bensì una delle possibili soluzioni a disposizione dell'uomo, tipica posizione stoica. Per quanto riguarda la sua concezione della fisica, della cosmologia e della nascita dell'universo, Massoni considera ancora valida ed attendibile la posizione teorico speculativa di Giordano Bruno, rispetto alla teoria del Big Crash, la quale a suo parere sottende in realtà  ad una visione più dogmatica e conservatrice rispetto alle affermazioni per cui l'universo intero rimane e continuerà  ad essere, visto che esiste da sempre in questa sua condizione, infinito, increato ed eterno.

Storia[modifica]

Massoni rigetta la visione cristiana, hegeliana e marxista come un divenire lineare preferendo il modello greco di una storia ciclica, facendo propria la teoria viconiana dei "corsi e ricorsi storici". Nel XXI secolo egli individua i segnali di un declino del ruolo di centralità  europeo (in particolare di Inghilterra, Germania e Francia) a favore dell'emersione di stati asiatici come la Cina e India, che dopo un periodo di assestamento dovrebbero rilevare il ruolo delle potenze europee in un simile dominio economico. La causa della crisi finanziaria è da lui individuata nel welfare e nell'incapacità  degli stati europei di mantenere un oneroso apparato assistenzialistico gestito con miopia. I movimenti politici di protesta sarebbero in realtà  focalizzati su problemi secondari, che in questa forma non hanno in realtà  portato alla decadenza occidentale, ma che sono solo un aspetto della società  patriarcale.

Politica[modifica]

Politicamente assume una posizione di scetticismo verso le personalità  della politica italiana ed internazionale contemporanee, denunciandone in particolare l'ipocrisia. Si è dichiarato spesso convinto ammiratore dell'utopico modello di stato delineato da Platone nel dialogo "La Repubblica", sostenendo che coloro che guidano uno stato, non devono essere possessori di materialità , e sostenendo che l'impostazione familiare matriarcale è meglio adatta alla vita di un politico, dato che l'avere figli, ed allo stesso tempo avere la coscienza della propria discendenza sia l'anima della corruzione politica. Consapevole dell'impossibilità  di una sospensione della paternità  durante l'attività  politica Massoni prevede un fallimento, seguito da un superamento di questa struttura politica e sociale occidentale. Spesso nei suoi scritti presenta le possibili alternative ad una società  di stampo monogamico-patriarcale. Ha dichiarato più volte di essere stato sostenitore del Partito Radicale, apprezzando le lotte politiche condotte da Marco Pannella in passato. [7]

Controversie[modifica]

Massoni è anche al centro di aspre critiche da parte di moltissimi internauti per la sua tendenza a esprimere le proprie idee in monologhi senza alcun contraddittorio e per la sua abitudine di bannare tutte le critiche mosse al suo pensiero, con una accentuata propensione ad accusare i suoi detrattori di infantilismo, contrattaccando sul personale invece che sul merito della discussione (utilizzo del cosiddetto argumentum ad hominem), a sbeffeggiarli arditamente, utilizzando talora anche un registro linguistico/gergale triviale, scurrile ed inappropriato, e a bloccare sul proprio canale tutti gli youtubers che non gli vadano a genio. Questo suo modus operandi, unito all'acclarata non scientificità  del suo pensiero, ne ha fatto l'oggetto di giudizi negativi da parte di vari vlogger e ne ha determinato, fin qui, la totale indifferenza da parte dell'élite culturale italiana. Alcune sue idee sono del resto lontane dal mainstream del pensiero scientifico corrente: il rifiuto di riconoscere un valore al determinismo biologico[8], il disconoscimento del modello standard in fisica, la fede quasi dogmatica in un universo increato e infinito[9] che contraddice la più elementari osservazioni astronomiche, recenti e non, la sua teoria economica simil-fisiocratica [10] [11], semplicistica ed oltremodo discutibile, la sua dichiarata avversione verso la ricerca [12] e l'odierno metodo scientifico, le sue asserzioni sprezzanti sul lavoro giovanile[13] e sul futuro della società  occidentale[14],le sue clamorose affermazioni assolutamente favorevoli e libertarie circa le sostanze stupefacenti[15] [16] , di cui,peraltro,egli medesimo avrebbe ammesso di far uso[17], il suo peculiare chiliasmo ed altre posizioni piuttosto estreme, coniugate ad alcune sue uscite "circensi"[18] e/o in stile "dissing"[19] [20], sono appunto contrarie alle tesi più attuali approvate e sostenute dalla comunità  scientifica internazionale, dai vari esperti di settore, dagli istituti di ricerca, dalle università  e dalle accademie. Alcuni vedono in Massoni un opinionista, spiccatamente misoneista, che si destreggia in argomenti su cui non è aggiornato e spesso su cui non ha una preparazione adeguata o anche errata, giudicando i suoi più come video cabarettistici che culturali in cui l'autore riesce a tenere la scena per le sue doti fabulatorie più che per i contenuti; del resto molti suoi video non sembrano avere altra pretesa oltre quella di mettersi in vetrina e pubblicizzare i suoi romanzi.

Massoni è stato anche aspramente criticato per aver supportato "cure" che la medicina ufficiale ritiene prive di fondamento scientifico e volte semplicemente a mere speculazioni economiche (es. Metodo Stamina, Metodo Di Bella etc.).[21]

Autori a proprie spese[modifica]

Dopo aver criticato aspramente in numerosi video[22] e articoli[23], sia gli editori a pagamento, ma soprattutto gli autori che sceglievano di pubblicare a proprie spese, fu indotto da un commento (pubblicato in calce al video "FRANCO CALIFANO LEGGE BACCHELLI.mov"[24]), ad ammettere [25] di aver ripiegato, suo malgrado, su tale espediente per sopperire i continui rifiuti subiti dalla grande editoria.

Note[modifica]

Opere[modifica]

Romanzi storici[modifica]

  • 1994 - Le rose del Vaticano - Novecento
  • 1998 - Notti a Rosenheim - Edizioni Tracce
  • 2002 - L'alba delle aquile - Tranchida Editore
  • 2004 - La corona d'oro. La guerra di Roma contro Cartagine tra i misteri di Iside e Cibele - Florence Art
  • 2005 - La lama e la rosa - Aliberti editore
  • 2005 - La lama e la rosa - Hachette Filipacchi Médias, Gruppo Lagardère
  • 2005 - Il tribuno egizio - Tullio Pironti
  • 2007 - Il marinaio delle Antille - Aliberti editore
  • 2008 - La stirpe del serpente - Aliberti editore

Saggi[modifica]

  • 1990 - Aspetti della lingua inglese nella scuola e nella società  - Armando Editore
  • La lingua inglese nelle scuole elementari - Marietti editore
  • 2003 - Editori & Scrittori - Editoriale la Cronaca
  • 2013 - Dal Matriarcato al Patriarcato - Centro Leonardo

Voci correlate[modifica]

Collegamenti esterni[modifica]