Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Ramón Acín Aquilué

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search
Ramón Acín Aquilué

Ramón Acín Aquilué (Huesca, 30 agosto 1888 - Huesca, 6 agosto 1936) è stato un pittore, scultore, pedagogo, militante anarcosindacalista e scrittore anarchico spagnolo assassinato dalle truppe franchiste durante la guerra civile.

Biografia[modifica]

Ramón Acín Aquilué nasce a Huesca, in Aragona, il 30 agosto del 1888. Inizia nel 1908, a Saragozza, degli studi di scienze, ma li abbandona un anno dopo per dedicarsi alla sua vocazione artistica. Sin dal 1913, si interessa alle idee anarchiche e prende parte a Barcellona alla creazione della rivista La Ira (La Rabbia). A Madrid tra il 1916 e il 1917, diventa amico di Garcia Lorca, poi viene nominato professore di disegno alla scuola normale di Huesca.

Nel 1918, aderisce alla C.N.T e parteciperà  ai diversi congressi in quanto rappresentante della città  di Huesca dove gode di una grande popolarità . Nel 1922, crea un'accademia di disegno presso il suo domicilio che si ispira alla pedagogia razionalista di Francisco Ferrer, poi più tardi alle realizzazioni di Célestin Freinet. Milita anche per creare un movimento di giovani, e dà  dei corsi serali agli operai e delle conferenze a favore dei prigionieri politici. Un articolo di sostegno all'anarchico Juan Acher, condannato a morte dopo un attentato, gli varrà  di essere imprigionato nel 1924.

La sua partecipazione a dei sollevamenti lo obbligano ad andare in esilio per un certo periodo a Parigi, nel 1926, poi nel 1931. Scrive numerosi articoli per la stampa libertaria dove, oltre a delle critiche d'arte o ideologiche, manifesta un interesse per l'ecologia, il vegetarianesimo, il naturismo e anche la difesa degli animali.

La sua opera artistica è molto varia: disegni, caricature, dipinti, ma anche sculture e collage surrealisti. Amico di Buñuel, produrrà , grazie a una forte vincita alla lotteria, il suo film Las Hurdes (Terra senza pane) nel 1933.

Nel 1936, a Huesca, l'esercito e la guardia civile prendono parte al colpo di Stato e organizzano la repressione. Tra i numerosi fucilati si trovano Ramón Acín e la sua compagna Conchita Monras.

Voci correlate[modifica]