Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Nikolas Tchorbadieff

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search
Nikolas Tchorbadieff
Nikolas Tchorbadieff (Plovdiv, Bulgaria, 1° marzo 1900 - Bulgaria, 6 luglio 1994) è stato un militante e propagandista anarchico bulgaro. Nato col nome Jossif Sintov, sarà  sempre conosciuto con il nome Nikolas Tchorbadieff.

Biografia[modifica]

Convinto dalle idee libertarie sin da ragazzo, partecipa alle attività  del gruppo giovanile anarchico della sua scuola.

Prese parte nel 1919, alla creazione della F.A.C.B, Federazione Anarco-Comunista di Bulgaria, forse il gruppo anarchico più importante della storia dell'anarchismo bulgaro. Costretto alla clandestinità  dopo il colpo di Stato del 1923, si rifugia a Parigi dove è tuttavia minacciato di espulsione, dal cui provvedimento si salva grazie all'intervento dell'avvocato Henri Torres opportunamente sollecitato dall'anarchico Samuel Schwartzbard. Prosegue la sua attività  creando il "Gruppo bulgaro in Esilio" e partecipa, insieme tra gli altri a Sébastien Faure, alla creazione della “Libreria Internazionale” e della “Rivista Internazionale Anarchica”. Assunto come tipografo, aderisce alla CGT, collaborando anche con La Brochure mensuelle insieme ad Armand Bidault.

Nel 1936, in solidarietà  alla rivoluzione spagnola, partecipa alla pubblicazione e stampa del bollettino Fratellanza, che è un vero e proprio organo informativo dei bulgari simpatizzanti con i rivoluzionari spagnoli riuniti nel “Comitato per la Spagna libera". Nel 1939, di fronte alla minaccia fascista, tenta di arruolarsi, ma è arrestato come “sospetto straniero” e internato al campo di Vernet. Liberato, parteciperà  in seguito alle azioni della Resistenza. Alla Liberazione, riprende la sua militanza e fonda nel 1979, insieme ad altri compagni bulgari la rivista Iztok. Nel 1982, perde la sua compagna, Lea Kamener, militante del “Gruppo anarchico ebreo" « Der Fraier Gedank » (Pensiero Libero).

Nel 1993, un anno prima della sua morte, è stato pubblicato il suo libro intitolato Le cause che hanno creato il socialismo. E l'anarchismo d'oggi e di domani. Dopo la morte le sue ceneri sono state trasferite in d'Israele.

Voci correlate[modifica]