Still working to recover. Please don't edit quite yet.

John Creaghe

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search
John Creaghe

John O’Dwyer Creaghe (Limerick, Irlanda, 1841 – Washington, USA, 19 febbraio 1920), conosciuto anche come Juan Creaghe, è stato un medico irlandese e un anarchico rivoluzionario che fu particolarmente attivo in Argentina.

Biografia[modifica]

John Creaghe nasce a Limerick/Cork, in Irlanda, nel 1841. Dei suoi primi anni di vita si conosce ben poco, se non che dopo aver terminato gli studi superiori si iscrive alla facoltà  di medicina del Queen's College, ottenendo la laurea al termine del corso di studi. Esercita la professione medica a Mitchelstown, nella Contea di Cork.

Come molti irlandesi dell'epoca, Creaghe decide di emigrare negli Stati Uniti, stabilizzandosi prima a Boston, una città  con una foltissima comunità  irlandese, poi facendo tappa definitiva in Argentina, a Buenos Aires. È il 1874. In quel periodo il socialismo stava diffondendosi in tutto il mondo, esercitando una notevole influenza sul medico irlandese e contribuendo alla sua politicizzazione in senso libertario.

Nel 1888 pubblica «La Verdad» (La Verità ), un giornale che incoraggiava l'auto-organizzazione della classe operaia e l'azione diretta di massa come unico mezzo per risolvere i problemi immediati. A Buenos Aires il giovane Dr. John Creaghe conosce l’anarchico italiano Errico Malatesta, che era giunto in Argentina nel 1886 ed aveva probabilmente contribuito ad indirizzarlo verso l'anarchismo.

Nel settembre 1890 s’imbarca per l'Inghilterra, fermandosi a Sheffield. Risiede a Gower Street, un quartiere popolare con una nutrita presenza di anarchici e operai fortemente politicizzati. La sua attività  tra gli sfruttati è continua e disinteressata, durante la commemorazione dei martiri di Chicago riceve un vero e proprio bagno di folla a dimostrazione di quanto fosse rispettato e ben voluto. A Sheffield fonda anche un Gruppo anarchico e, insieme a Fred Charles, il giornale «The Sheffield Anarchist». In questo periodo John Creaghe si guadagna da vivere esercitando la professione medica, facendosi pagare non più di 6 pence a visita e molto spesso anche non pretendendo niente.

Sul suo giornale compariva di tutto, dall'incitamento allo sciopero per contestare gli affitti troppo alti, alle notizie generiche di movimento e addirittura all'esaltazione del furto come rimedio contro le ingiustizie create dalla proprietà  privata. Ritornato in Argentina nel 1894, Creaghe trova l'anarchismo locale sotto l'egemonia del sindacato anarchico della FORA. È quello un periodo in cui le autorità  argentine portano avanti un'intensa repressione di tutti i movimenti antagonisti. Creaghe diviene anche editore del quotidiano «El Oprimido», che poi assumerà  la denominazione di «La Protesta», definito da Alan O'Toole «il maggior giornale rivoluzionario in Argentina... la sua fondazione e la sua continuità  sono state probabilmente il più grande contributo che Creaghe potesse dare alla politica rivoluzionaria». [1]

Pubblica diversi articoli sulla salute pubblica e l'igiene, inoltre contribuisce alla creazione di una Scuola Ferrer, a Lujan, improntata sulla pedagogia libertaria di Francisco Ferrer. Nel 1909 manifesta il suo pubblico appoggio Simon Radowitsky, l'anarchico argentino che aveva ucciso il capo della polizia di Buenos Aires responsabile del massacro degli operai dopo una manifestazione organizzata dalla FORA il 1° maggio.

Nel 1911 il Dr. Creaghe si trasferisce a Los Angeles, città  della California da cui osserva con molto interesse a quanto accade in Messico, dove Zapata e il movimento Magonista stavano portando avanti una rivoluzione sociale. Nel suo Manifesto ai Compagni di Argentina, Uruguay e del mondo intero, John Creaghe scrive:

«Il Messico si sta orgogliosamente portando verso questa bella rivoluzione economica ed agraria. Persino gli intellettuali borghesi che commentano quanto accade, devono ammettere sui loro giornali che non vi sarà  alcuna pace in Messico finché il popolo stesso non avrà  il controllo della terra come bene che gli appartiene.».

In favore dei rivoluzionari messicani, collabora con Emma Goldman alla campagna in favore della liberazione dell'anarchico messicano Ricardo Flores Magon, che stava scontando in carcere diverse condanne per la sua attività  antiautoritaria. Durante gli anni americani stringe relazioni importanti con l'anarchismo statunitense e con personaggi come William Morris ed Edward Carpenter.

Dopo aver dedicato almeno 30 anni della sua vita al movimento anarchico, John O’Dwyer Creaghe muore poverissimo a Washington il 19 febbraio 1920.

Note[modifica]

  1. With The Poor People Of The Earth. A Biography of Doctor John Creaghe of Sheffield and Buenos Aires

Voci correlate[modifica]

Collegamenti esterni[modifica]