Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Io non voglio essere tiranno! (di Ricardo Flores Magon)

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search

Io non voglio essere tiranno! è un articolo del 1910 firmato dall'anarchico messicano Ricardo Flores Magon.

Io non voglio essere tiranno![modifica]

Io non lotto per un posto al governo.

Ho ricevuto tante proposte da maderisti [1] in buona fede - perché ce ne sono, ed in buon numero - affinché accettassi un posto in quello che si chiama "governo provvisorio" e la posizione che mi si offre è quella di Vice-Presidente. Innanzitutto devo dire che i governi mi disgustano. Io sono fermamente convinto che non ci sia e non ci sarà  mai un buon governo. Tutti sono cattivi, quelli che sono chiamati monarchie assolute o repubbliche costituzionali. Il governo è tirannia, perché limita la libera iniziativa dei singoli e serve solo a sostenere uno stato sociale improprio allo sviluppo integrale dell'essere umano. I governanti sono i custodi degli interessi delle classi ricche ed istruite, e i carnefici dei sacri diritti del proletariato. Io non voglio essere un tiranno. Io sono un rivoluzionario e rimarrò tale fino al mio ultimo respiro. Io ho sempre il desiderio di stare insieme con i miei fratelli, i poveri, per lottare con loro, e non affianco dei ricchi o dei politici che sono gli sfruttatori dei poveri. Nei ranghi del popolo lavoratore io sono più utile all'umanità  che seduto su un trono, circondato da lacchè e politicanti. Se la gente avesse un giorno la malaugurata idea di chiedermi di divenire il loro governante, direi: Io non sono nato per essere carnefice. Cercatevene un altro!

Io lotto per la libertà  economica dei lavoratori. Il mio ideale è che l'uomo arrivi a possedere tutto quello di cui ha bisogno per vivere, senza che debba dipendere da un qualche padrone e, io credo, come tutti i liberali in buona fede, che è arrivato il momento in cui noi, uomini di buona volontà , dobbiamo fare un passo verso la vera liberazione, sottraendo la terra dalle grinfie dei ricchi, Madero incluso, per darle al suo legittimo proprietario: il popolo lavoratore. Non appena l'avrà  ottenuta, il popolo sarà  libero.

Ma non sarà  fatto da Madero il Presidente della Repubblica, pèrché, né Madero, né alcun altro governatore, avrà  il coraggio di fare un passo in questa direzine e se lo facesse, i ricchi si solleverebbero e una nuova rivoluzione seguirebbe la presente. In questa rivoluzione, quella a cui stiamo per assistere e quella che cerchiamo di provocare, dobbiamo togliere la terra ai ricchi.

Ricardo Flores Magon

Altri scritti[modifica]

Note[modifica]

  1. Con il termine maderisti si indicano i seguaci di Madero, politico messicano che nel 1910 si candidò alle elezioni contro Porfirio Díaz; con il piano di San Luis iniziò l'insurrezione passata alla storia come Rivoluzione Messicana, cui avrebbe dato il suo contributo anche Pancho Villa. Sarà  presidente del Messico dal 6 novembre 1911 al 18 febbraio 1913.
Pubblico dominio Il testo di questa pagina è nel pubblico dominio.