Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Il Libertario

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search
Il libertario.jpg
Il Libertario fu un settimanale anarchico pubblicato da Pasquale Binazzi a La Spezia fra il 1903 ed il 1922.

Storia[modifica]

Zelmira Peroni e Pasquale Binazzi (i primi due a sinistra) nel confino di Lipari nel 1927

«Il Libertario» fu per Pasquale Binazzi e il suo entourage il mezzo più efficace per diffondere le idee libertarie, che naturalmente erano invise allo Stato italiano. Non a caso già  il 30 maggio 1917 la rivista fu sospesa dalle autorità  militari e nel dicembre seguente Binazzi venne fermato con la sua compagna Zelmira Peroni ed inviato nella colonia penitenziaria di Lipari. Liberato nel gennaio 1919, riprese la pubblicazione del giornale, che però fu resa difficoltosa dall'avvento dello squadrismo fascista. Il 29 ottobre 1922 la sede del Libertario fu completamente distrutta e la ripresa delle attività  fu enormemente difficile. Proprio a causa del fascismo la pubblicazione de «Il Libertario» fu portato avanti con enormi difficoltà  sino al 1926, quando il regime fascista ne impose la chiusura definitiva, condannando la coppia a cinque anni di confino, ridotti poi a due. Sono disponibili nell'Archivio della Famiglia di Camillo Berneri[1] numerose raccolte della rivista, le quali, assieme ad altre curate da Aurelio Chessa, costituiscono una fonte fondamentale per gli studi del periodo storico e gli studi di ricostruzione dello sviluppo dell'anarchismo italiano portato avanti in gran parte dallo stesso Aurelio Chessa[2].[3]

Note[modifica]

Voci correlate[modifica]

Collegamenti esterni[modifica]