Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Giuseppe Ciancabilla

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search
Giuseppe Ciancabilla

Giuseppe Cianacabilla (Roma, 1872 - San Francisco, 15 settembre 1904) è stato un giornalista e un dirigente nazionale del PSI, prima di convertirsi all'anarchismo.

Pier Carlo Masini diede a Giuseppe Ciancabilla il merito di essere stato il primo a dare all'individualismo anarchico italiano un'elaborazone teorica tale da non renderlo corpo estraneo rispetto al movimento operaio e all'anarchismo. sull’anarchismo2

Biografia[modifica]

Giuseppe Ciancabilla, originario di una famiglia borghese di Perugia, nasce a Roma nel 1872.

A diciott'anni combatte in Grecia a fianco dei socialisti rivoluzionari di Amilcare Cipriani, da dove inizia la sua carriera giornalistica come corrispondente dell'«Avanti!». Inizialmente quindi aderisce al PSI, divenendo dirigente nazionale e redattore-capo dell'«Avanti!».

Dal socialismo all'anarchismo[modifica]

Nell'ottobre del 1897, in veste di redattore dell'«Avanti!», Ciancabilla incontra Errico Malatesta per intervistarlo sullo stato di salute del movimento anarchico italiano dopo la diserzione di Francesco Saverio Merlino.
Propria la discussione che si svilupperò in seguito fu uno dei motivi che convincono Ciancabilla a lasciare il partito e ad abbracciare l'anarchismo. In questa periodo conosce anche l'allora socialista Nella Giacomelli, incontro che sarà  probabilmente determinante per la "conversione" della stessa all'anarchismo.

Il 4 novembre del 1897, «L'Agitazione» (giornale fondato da Malatesta) pubblicava la Dichiarazione di adesione al movimento socialista-anarchico di Ciancabilla, che oramai era riparato a Zurigo. Infatti la sua definitiva adesione al movimento anarchico lo costringe a fuggire dall'Italia per non incorrere nelle "grinfie" della giustizia italiana (l'appartenenza all'anarchismo costava la galera o i domiciliari).
Ciancabilla, insieme alla fidanzata Ersilia Cavedagni, si trasferisce in Svizzera, poi a Bruxelles ed infine in Francia, dove collabora con il giornale di Jean Grave Les Temps Noveaux. Alcuni suoi articoli circa la situazione del movimento anarchico italiano, in particolare dopo i moti di Milano del 1898, determinano l'espulsione dalla Francia e il suo ritorno in Svizzera, dove insieme a Ersilia Grandi e Felice Vezzani collabora a L'Agitatore di Neuchatel.

I tragici fatti del 1898 in Sicilia e a Milano, mettono in crisi la sua fiducia "nelle masse", che egli giudicava «prive di capacità  rivoluzionarie», convincendosi che solo con l' "atto individuale" fosse possibile battere il nemico di classe, ovvero la borghesia. Per concretizzare subito queste sue nuove convinzioni, verso la fine del 1898 aveva raggiunto Milano deciso ad uccidere il "macellaio dei lavoratori", il generale Bava Beccaris, che però non sarà  mai attuato.

Espulso dalla Svizzera per un suo articolo in difesa di Luigi Luccheni, dopo un breve periodo in Gran Bretagna, decide di emigrare in America, insieme alla sua Ersilia, per continuare fra gli immigrati la sua battaglia politica.

Negli USA[modifica]

Ciancabilla si trasferisce negli Stati Uniti nel 1898 e si stabilì a Paterson, New Jersey, una grande roccaforte dell'anarchismo italiano. Qui diresse la La Questione Sociale (1895-1908), entrando però ben presto in conflitto con la redazione del giornale a causa della maturazione in lui di nuove idee in antitesi a quelle malatestiane. Dopo l'arrivo di Malatesta in America, divenendo direttore del giornale, lo costringe a trasferirsi a West Hoboken dove fonda il giornale «L'Aurora» (1899-1901) in cui pubblica e diffonde articoli di Jean Grave e Kropotkin.

Proprio a questo periodo risale la polemica tra Malatesta e Ciancabilla (vedi capitolo seguente) e il suo avvicinamento al pensiero kropotkiniano, di cui sarà  un grande propagandatore grazie alla prima traduzione italiana del classico La conquista del pane. Ciancabilla si fa propugnatore di un'idea comunista-anarchica anti-organizzatrice fondata sui gruppi d'affinità , quella che poi negli USA sarà  particolarmente diffusa da Luigi Galleani e dal gruppo di Cronaca Sovversiva:

«Non vogliamo programmi tattici, e di conseguenza non vogliamo organizzazione. Dopo aver stabilito il fine, l'obiettivo a cui teniamo, lasciamo ogni anarchico liberi di scegliere i mezzi che il suo istinto, la sua educazione, il suo temperamento, il suo spirito combattivo gli suggeriscono quello che meglio crede. Noi non formiamo programmi fissi e non formiamo piccole o grandi partiti. Ma ci raggruppiamo insieme spontaneamente, e non con criteri permanenti, secondo affinità  momentanee e per uno scopo specifico e costantemente cambiamo questi gruppi non appena lo scopo per il quale ci eravamo associati cessa di essere, e quando altri obiettivi e necessità  nascono e si sviluppano in noi ci spingono a cercare nuovi collaboratori, persone che nella circostanza specifica ragionano come noi ... » (Contro l'organizzazione)

L'ultimo periodo della sua vita lo svolge tra Chicago e San Francisco dove diresse la «Protesta Umana», conosce Gaetano Bresci e difende l'attentatore del presidente statunitense McKinley, l'anarchico polacco Leon Czolgosz, che gli costa alcuni mesi in carcere.

Giuseppe Ciancabilla muore il 15 settembre 1904, a soli trentadue anni, nella città  di San Francisco.

Polemica con Malatesta[modifica]

Ciancabilla scriveva nel 1899, sul giornale «L'Aurora» stampato a West-Hoboken nel New Jersey, mentre infiammava la polemica sull'organizzazione che vedeva diviso il movimento anarchico tra i sostenitori della libertà  individuale e assoluta, ed i malatestiani che svilupparono nel giornale «La Questione Sociale» la tesi della necessità  di una organizzazione del movimento, che possedesse, secondo Malatesta, pur ripudiando la rigida struttura gerarchica, quel minimo di organizzazione indispensabile per condurre avanti con continuità  una determinata linea politica.

In quegli anni, infatti, gli anarchici, a differenza dei socialisti, non disponevano della minima organizzazione: non avevano una federazione, non avevano tessere, non riconoscevano capi e respingevano il parlamentarismo.

«Noi siamo uniti soltanto nella fede», dicevano.

Citazioni sulla polemica[modifica]

Ciancabilla, su «L'Aurora»:

« Noi siamo l'aristocrazia del proletariato. I cavalieri dell'Ideale. La massa dorme, i socialisti s'illudono. Lo sanno Pisacane, Carlo Cafiero, lo stesso Malatesta e tutti coloro che hanno preparato una rivoluzione di massa e che, al primo tentativo, si sono ritrovati in tre gatti di fronte al plotone o alla galera. »

Malatesta, su «La Questione Sociale»:

« L'organizzazione - che poi non è altro che la pratica della cooperazione e della solidarietà  - è condizione naturale, necessaria alla lotta di classe: è un fatto ineluttabile che si impone a tutti, tanto nella società  umana in generale, quanto in qualsiasi gruppo di persone che hanno uno scopo comune da raggiungere. »

Ciancabilla:

« Siamo nemici di ogni forma di organizzazione perché respingiamo ogni forma di autorità . Noi dobbiamo dare l'assalto allo Stato non per prendere il posto dei borghesi, ma per distruggerlo completamente. »

Malatesta:

« L'errore fondamentale degli anarchici avversari dell'organizzazione è il credere che non sia possibile organizzare senza autorità , e preferire - ammessa questa ipotesi - la rinuncia a qualsiasi organizzazione piuttosto che accettare la minima autorità . »

Ciancabilla:

« Gli anarchici devono obbedire soltanto al proprio impulso. L'impulso è il sentimento naturale più naturale dell'uomo libero.

Noi esaltiamo l'individuo generoso che, obbedendo al proprio impulso, sorge solo, minaccioso, per colpire nel suo più vivo bersaglio la tirannia borghese. Celebri attentatori come Ravachol, Emile Henry, Sante Caserio, Michele Angiolillo, Luigi Luccheni, costituiscono gli esempi più fulgidi della lotta individualista. »

Bibliografia[modifica]

  • G. Ciancabilla, Un colpo di lima, gratis edizioni, 2014
  • Mario Mapelli, Giuseppe Ciancabilla, propagandista anarchico negli Stati Uniti, 1899/1904, tesi di laurea, 1998.
  • Ugo Fedeli, Giuseppe Ciancabilla, Cesena, L'Antistato, 1965

Voci correlate[modifica]