Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Francisco Ascaso

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search
Francisco Ascaso
Francisco Ascaso (Almudevar, Spagna, 1° aprile 1901 - Barcellona, 20 luglio 1936), è stato un anarchico e un anarco-sindacalista spagnolo della CNT-FAI. Fu assassinato nei primi giorni della rivoluzione per cui aveva "lavorato" tutta la vita.

Biografia[modifica]

Francisco Ascaso, il cui nome completo è Francisco Ascaso Abadía Almudévar, nasce il 1 Aprile 1901 ad Almudevar (Spagna), fratello di Domingo e Alejandro e cugino di Joaquin. In cerca di lavoro si trasferisce a Saragozza, dove si guadagna da vivere facendo il panettiere.

La militanza anarchica[modifica]

Entra in contatto ben presto con il movimento anarchico, militando nella CNT e nel gruppo d'azione diretta chiamato Los Justicieros (I giustizieri). Nell'agosto 1922, lascia Saragozza per Barcellona, dove raggiunge un altro gruppo d'azione diretta, Los Solidarios (I solidali), del quale fanno parte Buenaventura Durruti, Antonio Ortiz, Joan Garcia Oliver e Gregorio Jover.

Ascaso prende parte a numerose azioni contro i Pistoleros, gruppo paramilitare al servizio del padronato che frequentemente colpiva a morte i sindacalisti spagnoli. In una di queste azioni, il 4 giugno 1923, Francisco Ascaso e Rafael Torres Escartín, con l’aiuto di Juliana Lopez ed Esteban Salamelo, uccidono il cardinal Soldevila di Saragozza, uno dei principali finanziatori dei Pistoleros.

L'esilio[modifica]

Ricercato dalla polizia, Ascaso riesce a scappare, continuando la sua attività  di "espropriatore" di banche, attività  necessaria per auto-finanziare la rivoluzione. In seguito alla repressione il gruppo è però smantellato ed Ascaso si rifugia in Francia insieme a Buenaventura Durruti, Juan Garcia Oliver e Gregorio Jover.

Con il denaro raccolto aprono una "Libreria internazionale", successivamente però decidono di partire per Cuba e l' Argentina, dove partecipano ad altre azioni insurrezionali. Ricercati da tutte le polizie dei paesi in cui sono stati, "Los Solidarios" ritornano clandestinamente in Francia, dove sono fermati il 25 giugno 1926. Ad Ascaso, Buenaventura Durruti e Gregorio Jover viene loro imputata la progettazione di un attentato contro il re d' Spagna, Alfonso XII, in visita a Parigi.

L'Argentina chiede la loro estradizione, per una serie di rapine, ma Louis Lecoin, che prende in mano la loro difesa, riesce a mobilitare l' opinione pubblica in favore di Ascaso e dei suoi compagni. I tre anarchici, durante il processo tenuto a Parigi il 17 ottobre 1926, rivendicano con orgoglio di avere avuto l' intenzione di assassinare il re con la speranza di far cadere la monarchia. Alla fine sono condannati a 6 mesi di prigione per ribellione, passaporti falsi, porto d' armi proibite ed infrazioni della legge sulla migrazione.

Il 21 luglio 1927, a Parigi, riuniti in un ristorante dallo "Comitato internazionale di difesa Anarchica" , Ascaso, Buenaventura Durruti e Gregorio Jover festeggiano la loro liberazione dalle carceri francesi. Oltre alle loro famiglie sono presenti una trentina di militanti, tra i quali Sébastien Faure, Nestor Makhno e Louis Lecoin. Alla fine però vengono espulsi dal terriorio francese e gli è proibito non solo il soggiorno in Francia, ma anche in Belgio, Svizzera e Germania. Per un certo periodo risiedono clandestinamente in Francia, dove Ascaso conosce e si lega a Berthe Fabert.

Nel 1931, dopo la proclamazione della repubblica, Francisco Ascaso rientra in Spagna, ma le sue speranze vengono ben presto deluse. Ascaso si rende conto che la nuova "Seconda repubblica" spagnola non è poi così diversa dalla monarchia. A Barcellona costituisce il gruppo denominato 'Nosotros', un organizzazione molto radicale della Federazione Anarchica Iberica. Il 18 gennaio 1932, in Catalogna, nella regione mineraria di Alto Llobregat (Catalogna) - per la precisione a Berga, Cardona, Fijols, Sallent e Suria -, viene proclamato il comunismo libertario. Il governo riesce a bloccare l’insurrezione nel giro di una settimana ed un centinaio di militanti, tra cui Ascaso e Buenaventura Durruti, vengono deportati nelle Canarie, in Africa.

La rivoluzione e la morte[modifica]

Ritrovata la libertà , Ascaso rientra in Spagna e diviene nel 1934 Segretario generale del Comitato regionale della Catalogna della CNT. A partire da questa data collabora anche con il giornale anarchico Solidaridad Obrera. Il 1° maggio 1936, partecipa al congresso della CNT a Saragozza. Quando le truppe militari, guidate da Francisco Franco (18 luglio 1936), insorgono, Ascaso è con gli anarchici a Barcellona che attacca le guarnigioni militari per procurarsi armi in vista della rivoluzione spagnola. Ed è proprio durante l'assalto alle caserme di Atarazanas (Barcellona) che, il 20 luglio 1936, Ascaso viene assassinato da un cecchino franchista che stava cercando di "stanare". Così il compagno Luis Romero racconta la sua morte:

«Mezzo piegato in avanti, si mette a correre. Diversi colpi sui muri delle case mostrano il mitragliere che lo ha visto […] Prima ancora che Ascaso raggiunga il camion, cade in ginocchio, mira e spara. Mentre sta per alzarsi, e riprendere la corsa verso l’autocarro, una pallottola lo coglie in mezzo alla fronte. Cade. I compagni hanno anche visto come ha levato alte le braccia ed è crollato al suolo. Giace con la faccia per terra, non si muove più» (da La breve estate dell'anarchia [1]).

Alla sua morte gli verrà  intitolata una formazione antifranchista, la Colonna Ascaso.

Voci correlate[modifica]

Collegamenti esterni[modifica]

Note[modifica]

  1. Hans Magnus Enzensberger, La breve estate dell'anarchia, pag 121, Feltrinelli, 2007