Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Federazione Anarco-Comunista di Bulgaria

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search
Mikhael Guerdjikov, uno dei fondatori della FACB
La Federazione Anarco-Comunista di Bulgaria (Federatsia na Anarkho Komunistite ot Balgaria - FACB) è stata una federazione di gruppi anarco-comunisti bulgari fondata nel giugno del 1919.

Storia[modifica]

Il primo ventennio[modifica]

Georgi Sheitanov, membro della FACB

Tra il 1909 e il 1910 gruppuscoli anarco-sindacalisti e la Federazione Anarchica Bulgaro-Macedone iniziarono a sviluppare un progetto organizzativo del frastagliato movimento anarchico bulgaro, con l'obiettivo di costituire una federazione che portasse avanti un programma più strutturato e incisivo.

L'approssimarsi della grande guerra portò inizialmente gli anarchici a concentrarsi sulla campagna antimilitarista e molti di loro, tra cui Varban Kilifarski, scelsero di espatriare all'estero o di darsi alla clandestinità  (tra questi Georgi Sheitanov). L'instabilità  politica sviluppatisi e lo scoppio della prima guerra mondiale bloccò questo progetto, sino a quando il 15, 16, 17 giugno 1919 ebbe luogo a Sofia il congresso costitutivo della Federazione Anarco-Comunista di Bulgaria (F.A.C.B.).

Il congresso fu aperto da una relazione di Mikhael Guerdjikov, un ccombattente anarchico fondatore del Comitato Rivoluzionario Clandestino Macedone (MTRK) nel 1898 e comandante del Corpo di Prima Linea dell'MTRK durante la Rivolta macedone del 1903. La FACB inizialmente si organizzò come federazione clandestina di quattro "unioni" comuniste anarchiche regionali, all'interno delle quali erano operativi diversi gruppi di studio, di attività  sindacali e di combattimento. La federazione era ristretta solo ai suoi militanti, ma la sua attività  pubblica prevedeva giri di propaganda in tutte città  ed in tutti i villaggi.

Inizialmente usò come organo di propaganda il giornale Rabotnicheska Misl («Il Pensiero dei Lavoratori»), in seguito assurse a tale ruolo il giornale Probuda («Il Risveglio»), ma decise anche che ogni membro potesse gestire una propria stampa. Georgi Sheitanov fu uno dei membri più attivi, autore del celebre Appello agli Anarchici e di una dura critica anarchica al bolscevismo: il Manifesto ai Rivoluzionario.

Rabotnicheska Misl (Il Pensiero dei Lavoratori), organo propagandistico della FACB

Durante il regime stalinista[modifica]

Dopo aver duramente criticato la deriva della rivoluzione russa ad opera dello stalinismo, la FACB organizzò nel 1945 un congresso a Knegevo, nella capitale Sofia, ma i delegati furono tutti arrestati. Ciò però non impedì alla Federazione di produrre un'importante documento fondato sui principi piattaformisti, in cui tra le altre cose si chiedeva:

«La formazione di liberi consigli e comitati locali di operai e contadini eletti direttamente, e non in quanto rappresentanti dei partiti politici, organizzati e controllati dal popolo. Questi consigli e questi comitati devono prendere in mano interamente, o controllare, la direzione politica del paese.
Il ruolo di questi consigli e comitati è di esprimere i desideri delle masse lavoratrici e di coordinare gli sforzi di tutti per costruire e far funzionare un intero sistema sociale. Uniti a livello locale, regionale e nazionale, essi rappresenteranno la forza politica, il pensiero e la volontà  di tutto il popolo.
L'adesione da parte degli operai e contadini bulgari all'Associazione internazionale dei Lavoratori per la difesa degli interessi mondiali dei lavoratori ed ostacolare una prossima guerra.
Il rifiuto chiaro e categorico di ogni forma di collaborazione di classe.
Il riconoscimento del diritto dei lavoratori di lottare per difendere i propri interessi materiali e migliorare le proprie condizioni, e di scioperare.
Il controllo operaio della produzione e la partecipazione ai benefici.» (Piattaforma della FACB)

Il rinato organo propagandistico della FACB, Rabotnicheska Misl, fu costretto a sospendere le pubblicazioni dopo solo 8 numeri. In seguito riapparve per un breve periodo, passando da 7.000 a 60.000 copie prima della censura definitiva. Il successivo congresso annuale della FACB nel 1946 si svolse in clandestinità .

Attualità [modifica]

Caduto il regime stalinista bulgaro, l'eredità  della F.A.C.B è stata raccolta a partire dal 1990 dalla Federazione Anarchica Bulgara, anche se non più come organizzazione di tendenza ma di sintesi.

Voci correlate[modifica]

Collegamenti esteri[modifica]