Still working to recover. Please don't edit quite yet.

FEMEN

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search

FEMEN è un movimento di protesta femminista nato a Kiev (Ucraina) nel 2008, con l'obbiettivo di boicottare il turismo sessuale e combattere il sessismo e altre discriminazioni sociali. Altri obbiettivi del movimento sono «incrementare le capacità  intellettuali e morali delle giovani donne in Ucraina» e «ricostruire l'immagine dell'Ucraina, un paese dalle ricche opportunità  per le donne». Dall'Aprile del 2010, si parla di un debutto di FEMEN come partito politico, partecipante alle prossime elezioni parlamentari. La modalità  di protesta attuata dalle attiviste della FEMEN (che manifestano in topless) ha attirato l'attenzione non solo della popolazione Ucraina, ma anche dei media di tutta l'europa. Di certo, si tratta di un' efficace metodologia pacifica che frutta i risultati sperati.

Proteste e Progetti[modifica]

Logo del movimento FEMEN, speso dipinto sui busti delle attiviste in topless.

Durante le manifestazioni (che si svolgono non solo a Kiev, ma anche in altre città  ucraine), circa 20 attiviste volontarie partecipano in topless, scortate dai restanti manifestanti, che sono 300 in tutto (per la maggior parte ragazze tra i 18 e i 20 anni, ma ci sono anche uomini interessati alla causa femminista). Obbiettivo fondamentale de FEMEN è quello di aprire gli occhi alle donne e (soprattutto) alle giovani ragazze ucraine che vengono spesso illuse da turisti che promettono loro una vita migliore, in altri paesi. Non solo: in ucraina le donne hanno su carta gli stessi diritti degli uomini, ma concretamente non hanno gli stessi trattamenti. Si pensi che, tra le altre cose, nessuna donna in ucraina è od è mai stata ministro.

FEMEN vorrebbe diventare un punto di riferimento per tutte le donne, non solo in Ucraina, ma in tutt'europa. Entro il 2017, vogliono far si che le donne in Ucraina non siano più intimorite e siano pronte a partecipare ad una rivoluzione femminista. Sono previste manifestazioni a Varsavia, Zurigo, Roma, Tel Aviv e Rio de Janeiro nei prossimi anni.

Critiche a FEMEN e problemi[modifica]

Spesso FEMEN viene criticata per i suoi metodi provocatori, ma gli attivisti dichiarano che non sarebbe stato possibilile avere il riscontro che hanno avuto senza questi metodi. Bisognava passare ai fatti, fare qualcosa di non violento che però desse fastidio alle autorità  locali, che li facesse arrivare diritti ai media. FEMEN non pensa di alimentare l'idea di un' Ucraina come "Bordello d'Europa", ma piuttosto di portarla e diffonderla in senso negativo, al fine di indignare la gente.

Il percorso intrapreso da FEMEN è pieno di ostacoli. Tanto per iniziare, le attiviste di FEMEN vengono spesso isolate dalla famiglia; inoltre devono fare i conti con le forze dell' ordine (alcune attiviste hanno già  scontato più di quindici reclusioni!). Anche su Internet, FEMEN non trova terreno fertile: il gruppo FEMEN su Facebook è stato cancellato in quanto ritenuto pornografico. Attualmente, su Facebook, esiste il gruppo "FIST: Femen International Support Team".

Inoltre, FEMEN ha ricevuto delle intimidazioni dai Servizi Segreti Ucraini da dopo l'elezione di Viktor Yanukovych, presidente ucraino, avvenuta nel 2010.

Voci correlate[modifica]

Collegamenti esterni[modifica]

Blog ufficiale FEMEN