Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Eugène Varlin

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search
Eugène Varlin
Eugène Louis Varlin (Claye-Souilly, 5 ottobre 1839 – Parigi, 28 maggio 1871) è stato un rilegatore, militante operaio, internazionalista, comunardo e libertario francese.

Biografia[modifica]

Nato in una povera famiglia contadina, Varlin si trasferisce a Parigi in cerca di lavoro, dove da un lato impara il mestiere di rilegatore e dall'altro aderisce alle idee rivoluzionarie di Proudhon. Nel 1857 collabora alla fondazione della società  di mutuo soccorso dei rilegatori, partecipando in prima persona agli scioperi di categoria proclamati nel 1864 e nel 1865.

Nel 1865, partecipa alla fondazione di una società  di risparmio e credito degli operai rilegatori. Alla creazione della A.I.T. aderisce all'organizzazione con il fratello Louis e con Nathalie Lemel, diventando uno dei segretari dell'ufficio parigino. Con la stessa Lemel e altri operai crea nel 1867 la cooperativa La Ménagère e nel 1868 apre il ristorante-cooperativa La Marmite.

Sarà  delegato al congresso della A.I.T a Ginevra nel 1866 e di Basilea nel 1869, dove in contrasto con i proudhoniani difende il diritto al lavoro delle donne e si pronuncia per l'eguaglianza dei sessi «la collettivizzazione della terra da parte dei comuni solidarizzati».

È anche durante il 1868, all'origine delle cooperative di consumo. I suoi sforzi contribuiranno alla creazione, il 14 novembre 1869, della la «Federazione parigina delle Società  Operaie», che più tardi si svilupperà  su scala nazionale diventando la Confédération générale du travail.

Quando la repressione si abbatterà  A.I.T, Varlin - che aveva costituito le sezioni dell'Internazionale a Lione, Le Creusot e Lilla -, sarà  condannato una prima volta a tre mesi di prigione, poi costretto a esiliarsi in Belgio per sottrarsi a una nuova condanna nel 1870. Rientra in Francia alla caduta dell'impero, diventa il comandante di un battaglione della guardia nazionale, partecipa alle elezioni dell'8 febbraio 1871 poi a partire dal 18 marzo, giorno dell'insurrezione comunarda, fa parte del Comitato centrale della guardia nazionale.

Il 26 marzo è eletto membro della Comune di Parigi. Partecipa agli ultimi combattimenti della Settimana di sangue. Arrestato il 28 maggio 1871, viene massacrato di botte, poi fucilato dai Versigliesi.

Varlin e l'anarchismo[modifica]

Secondo il Dictionnaire des anarchistes[1] pubblicato nel 2014 : « Se Eugène Varlin non può essere considerato anarchico in senso stretto, il movimento anarchico considera questo militante un precursore del sindacalismo rivoluzionario, prossimo a Michail Bakunin in seno alla Prima Internazionale e membro della minoranza anti-autoritaria della Comune di Parigi. »[2]

Note[modifica]

Amarquistas trabalhando2.png