Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Ernest Coeurderoy

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search
Ernest Coeurderoy
Ernest Coeurderoy (Avallon, Francia, 22 gennaio 1825 - Ginevra, Svizzera, 25 ottobre 1862) è stato uno scrittore e rivoluzionario socialista francese poi diventato anarchico.

Biografia[modifica]

Studente di medicina e figlio di un medico, entra nella vita politica nel 1848, professando dopo le giornate di giugno delle « opinioni rivoluzionarie socialiste intransigenti ». Non si rimetterà  mai dagli scontri del febbraio 1848 e dal sangue operaio versato sulle barricate di giugno. Nel 1849, dopo le manifestazioni del 13 giugno dovette esiliarsi in Svizzera da cui fu comunque espulso nel 1851.

Si trasferì a Bruxelles e poi a Londra. Descriverà  queste sue esperienze nel suo Jours d’exil. Nel settembre 1852 pubblica De la révolution dans l'homme et dans la société. Nel 1853-54, Coeurderoy viaggia in Spagna, poi in Italia dove a Torino pubblica Hurrah! Ou la revolution par les Cosaques. Altre opere annunciate non verranno mai edite.

Ammalato, si sposterà  ancora in Europa, propagandista della fraternità  e della resistenza all'oppressione. Trasferitosi in Svizzera, nel cantone di Ginevra si suicida il 25 ottobre 1862.

Pensiero[modifica]

Coeurderoy era un solitario ed ha fortemente combattuto il leaderaggio dei repubblicani e socialisti, accusandoli di essere responsabili della sconfitta della rivoluzione del 1848 a causa delle loro ambizioni e delle divisioni ingenerate dal loro comportamento. Sotto l'influenza di Fourier, Pierre Leroux e Proudhon, il suo pensiero era una «sintesi del collettivismo libertario e mutualismo». Ha auspicato la proprietà  collettiva dei mezzi di produzione, il libero accesso a tutti gli strumenti di lavoro, la proprietà  individuale (possesso) e il reciproco scambio dei prodotti del lavoro.

Venuto alla ribalta solo nell'attualità , Coeurderoy è stato comunque uno dei precursori dell'anarchismo. Dopo aver fatto parte del partito rivoluzionario che era stato sconfitto dalla rivoluzione, fuggì dal suo paese, costretto all'esilio forzato e vivendo una vita fatta di enormi difficoltà . La storia è scritta dai vincitori e Coeurderoy sarebbe stato dimenticato se il suo lavoro non fosse stato recuperato dagli storici dell'anarchismo e da intellettuali come Raoul Vaneigem che hanno apprezzato non solo la sostanza ma anche l'eloquenza della sua scrittura (Terrorism or Revolution' An Introduction to Ernest Coeurderoy).

Voci correlate[modifica]