Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Ecovillaggio

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search
Ecovillaggio
L'ecovillaggio può essere definito come «uno spazio ecologico libero dalle influenze e dalle regole della società  capitalistica».

Cos'è un ecovillaggio[modifica]

Gli ecovillaggi sono delle comunità  intenzionali, progettate per essere economicamente, socialmente ed ecologicamente sostenibili. Di solito mirano ad avere una popolazione di 50-100 persone perché questa è la dimensione normale della una rete sociale di un individuo secondo alcuni studi [Hill & Dunbar, 2002]. Anche agglomerati più grandi, fino a 2000 persone, sono occasionalmente descritti come ecovillaggi.

I membri dell'ecovillaggio sono uniti da valori ecologici, sociali o spirituali condivisi (vedi comunità  intenzionale). Un ecovillaggio è spesso composto da persone che hanno scelto una alternativa a sistemi centralizzati di distribuzione dell'energia o dell'acqua. Molti vedono il dissolvimento delle forme tradizionali di comunità , gli stili di vita consumistici, la distruzione degli habitat naturali, l'allargamento delle zone urbane, l'agricoltura meccanizzata e la dipendenza eccessiva dai combustibili fossili, come degli andamenti che devono essere cambiati per allontanare il disastro ecologico. Propongono quindi come alternativa comunità  di piccola scala con impatto ecologico minimo. Talvolta comunque, queste comunità  cooperano con villaggi organizzandosi in reti (vedi Global Ecovillage Network). Questo modello di azione collettiva è simile a quello di Ten Thousand Villages, che appoggia il commercio equo dei prodotti nel mondo.

Nel 1991, Robert Gilman impostò una definizione di ecovillaggio che sarebbe divenuta uno standard:

  • ha dimensione umana
  • è un accampamento funzionalmente completo
  • le attività  umane sono integrate senza danni nel mondo naturale
  • permette uno sviluppo umano salutare
  • può continuare a funzionare indefinitamente nel futuro.

Negli anni recenti, Gilman ha aggiunto anche che devono esserci centri di iniziativa multipli.

I principi su cui si basano gli ecovillaggi possono essere applicati a contesti urbani o rurali, come pure a paesi sviluppati o in via di sviluppo. I sostenitori cercano l'indipendenza infrastrutturale e uno stile di vita sostenibile per gli abitanti, con un minimo di commercio fuori dalla area locale, o ecoregione. Gli ecovillaggi rurali di solito si basano su agricoltura biologica, permacultura e altri approcci che promuovono la biodiversità  e la funzione degli ecosistemi. Alcuni ecovillaggi integrano molti dei principi funzionali della coabitazione, ma con una attenzione particolare all'ecologia.

Un ecovillaggio di solito si basa su:

L'organizzazione di un ecovillaggio si basa solitamente su principi organizzativi assimilabili all'eco-anarchismo, oppure su un codice di condotta condiviso:

  • acquisto locale, per appoggiare l'economia locale
  • produzione e distribuzione di cibo locale
  • governo tramite decisioni consensuali
  • la scelta di rispettare le diversità .

Esempi[modifica]

  1. Nel gennaio del 1995 viene fondata a Francavilla Fontana (nei pressi di Brindisi), dai membri di un collettivo anarchico di Lecce, quasi tutti redattori della rivista "Senza Patria", e da altri giovani di Berlino, l'ecovillaggio di Urupia.
  2. Nel 1996, presso Earner Creek (Oregon, USA), Earth First! organizza il blocco delle strade per impedire il taglio della foresta. Quest’azione si trasforma ben presto in un ecovillaggio chiamato Cascadia Free State. L’esperienza termina dopo 6 mesi ma l’obiettivo viene raggiunto.

Bibliografia[modifica]

Voci correlate[modifica]

Collegamenti esterni[modifica]