Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Determinismo

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search
Il "determinismo" è quella concezione filosofica secondo cui in natura nulla avviene per caso, ma al contrario tutto accade, comprese le conoscenze e le azioni umane, in seguito ad una catena ininterrotta di eventi, sempre originati da una causa ben precisa.

Definizione[modifica]

Secondo questa dottrina sarebbe possibile determinare con precisione tutto ciò che avviene, istante per istante, in natura, permettendo addirittura, se si è a conoscenza di tutte le posizioni degli oggetti e delle forze naturali, la previsione dello stato del mondo futuro. In particolar modo il divenire sociale può essere indagato con strumenti scientifici, perciò possono essere fatte previsioni sulle forme sociali in trasformazione, in quanto tali forme si evolvono in modo indipendente dalla volontà  dei singoli. Il caos deterministico è una concezione filosofica per la quale in un sistema deterministico, come può essere il gioco del biliardo, una piccola variazione del sistema non presa in considerazione, può avere effetti non prevedibili. Secondo tale concezione la realtà  sarebbe data dall'interazione tra sistemi deterministici caotici. In un sistema deterministico, la morale non avrebbe senso e la condotta umana non dovrebbe essere giudicata in termini di "bene" o "male" assoluto ma sempre relativo.

I principali filosofi che sono maggiormente legati al "determinismo" sono stati: Thomas Hobbes, Baruch Spinoza, Karl Marx, David Hume, Immanuel Kant e René Thom.

Determinismo logico, naturalista e socio-economico[modifica]

Il determinismo logico è il determinismo della necessità , la legge che afferma A --> B (A implica B), pretende di essere eterno e indiscutibile; gli esponenti di tale corrente sono gli assiomatici (da Aristotele ai giorni nostri). Il determinismo naturalista è quello della scienza, il determinismo della natura e dei fenomeni naturali; nel mondo anarchico esso è rappresentato da Kropotkin che parla di una tendenza naturale alla solidarietà  e all'eguaglianza, cercando addirittura di cambiare le teorie "evoluzioniste competitive" di Darwin con una sorta di "evoluzionismo solidaristico" che prevederebbe come naturale conseguenza dell'evoluzione umana il comunismo in economia e l'anarchia in politica. Infine, il determinismo socio-economico, quello che vede come necessaria la relazione fra economia e storia, rappresentandosi la realtà  esclusivamente come relazione fra classi e subordinando tutto il resto (il principio di autorità , la violenza, le disuguaglianze ecc) a questa univoca chiave di lettura.

Voci correlate[modifica]

Collegamenti esterni[modifica]