Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Confederação Geral do Trabalho

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search
Nuvola apps xmag.png Per approfondire, vedi CGT.
Primo numero del giornale A Batalha dopo la fine della dittatura

La Confederação Geral do Trabalho (CGT) è stata una confederazione sindacale rivoluzionaria, di tendenza anarco-sindacalista, fondata il 13 settembre 1919 in sostituzione dell' União Operária Nacional (nata nel 1914).

Storia[modifica]

Prima della dittatura[modifica]

La CGT si costituì come un «super-organismo essenzialmente di classe, di lotta e per la lotta della classe lavoratrice contro la classe padronale, la borghesia, in una parola, contro lo Stato» [1]. Gli obiettivi che si poneva erano i seguenti:

  1. l'unificazione di tutti i lavoratori del paese per difendere i loro «interessi economici, sociali e professionali, nonché per migliorare la loro condizione morale, materiale e fisica»
  2. sviluppare le competenze all'interno della classe operaia necessarie a rovesciare il capitalismo;
  3. sviluppare ed esercitare il principio di mutuo appoggio.

Il più alto organo decisionale della CGT era il Consiglio Confederale, un congresso nazionale di rappresentanti, che a sua volta eleggeva sette membri che formavano il comitato nazionale che gestiva le varie questioni giorno per giorno. Nel 1922 la CGT entro a fare parte dell'Associazione Internazionale dei Lavoratori anarco-sindacalista.

La CGT, che si avvaleva di collaboratori come Arnaldo Simões Januário, diffondeva le proprie idee attraverso un proprio periodico: «A Batalha». Inizialmente arrivò a contare diverse migliaia di iscritti (secondo wikipedia parrebbe aver raggiunto le 100 mila unità  intorno al triennio 1919-1922) - concentrati soprattutto nelle città  industriali di Lisbona, Setúbal, Barreiro, Porto, Braga e Covilhã .-, che col tempo scemarono rapidamente.

La dittatura[modifica]

L'organizzazione sindacale cesserà  le proprie attività  nel 1927 a causa della repressione portata avanti dalla dittatura militare, instauratasi nel paese dal 28 maggio 1926. Nel 1927, tentò l'organizzazione di uno sciopero generale contro il governo, che però non riuscì e provocò circa 100 morti, la deportazione nei territori d'oltremare di almeno 600 persone coinvolte nei conflitti ed il divieto di pubblicazione del giornale A Batalha.

Nel 1929, dopo una battaglia giudiziaria, riuscì a recuperare spazi legali di agibilità , fino a quando, il 23 settembre 1933, due decreti governativi illegalizzarono tutti i sindacati non-controllati dallo Stato. Uno sciopero generale dalla CGT e di altre organizzazioni fu organizzato per il 18 gennaio 1934, ma non ebbero buon esito ed alla fine le attività  della CGT si concentrarono a qualche sporadica iniziativa a Lisbona e nell' Algarve. Nel 1938, Emídio Santana, il segretario generale della confederazione, prese parte ad un falito tentativo di assassinio del dittatore Salazar. A quel punto la repressione contro la CGT fu schiacciante e definitiva.

Dopo la dittatura[modifica]

Dopo il 25 aprile 1974 (fine della dittatura e ritorno del paese alla democrazia), la CGT riprese le attività , ma senza lo slancio di un tempo. Il giornale A Batalha, con il sottotitolo «Giornale anarchico», ricomparve nelle edicole il 21 settembre dello stesso anno.

Note[modifica]

  1. A Confederação Geral do Trabalho foi criada há 80 anos

Voci correlate[modifica]