Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Celedonio García Casino

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search
Celedonio García Casino
Celedonio García Casino, detto Celes (Barcellona, 25 dicembre 1922 - 26 agosto 1949) è stato un anarchico e guerrigliero antifranchista spagnolo.

Biografia[modifica]

Nella FIJL[modifica]

Dopo la vittoria dei falangisti di Francisco Franco sulla Rivoluzione spagnola, l'allora diciassettenne Celedonio decise di partecipare alla guerriglia antifascista, entrando nella Gioventù Libertaria. Il 14 giugno 1939, venne arrestato assieme ad altri 16 compagni per propaganda sovversiva, possesso d'armi e appartenenza al Comitato Regionale della Catalogna e delle Baleari della Federación Ibérica de Juventudes Libertarias.

Un anno dopo venne inviato al carcere "Modelo" di Barcellona, nel quale entrò in contatto con il segretario del Comitato Peninsulare della Federazione Anarchica Iberica, Manuel Aguilar Martínez. In carcere, Martínez formò tre gruppi che in seguito avrebbero partecipato alla lotta armata clandestina: uno di questi gruppi comprendeva García Casino, Manuel Graupera Rodilla, àngel Bernal Lozano, Blas Fuster Carreter e il responsabile del gruppo, Enrique Laborda Gómez.

Celes tornò in libertà  il 23 novembre del 1945 e riprese subito i contatti con la FIJL, che si riunì a congresso nel 1946, a Tolosa. Quello stesso anno venne nominato Segretario alla Difesa del Comitato Regionale della Catalogna e delle Baleari della Federación Ibérica de Juventudes Libertarias (altro compagno ad aver coperto quell'incarico fu José Lluis Facerias).

Dall'MLR al gruppo di Facerias[modifica]

Nel 1947 García Casino partecipò al Movimento di Resistenza Libertaria, una formazione pensata come il braccio armato dell'anarco-sindacalismo ma che ebbe vita breve; la sua permanenza in questo movimento venne comunque onorata da un attacco esplosivo contro una caserma della Guardia Civil, che i comunisti tentarono di rivendicare come una loro azione.

Il MLR fu un'occasione per rafforzare il sodalizio con Facerias, che nel 1947 costituì uno dei primi gruppi di esproprio e attacco. Oltre al Celess, questo gruppo vide coinvolti anche Juan Cazorla Pedrero, Ramón González Sanmartí, Francisco Ballester Orovitg e Domingo Ibars Juanias[1]. Tra le azioni di esproprio messe a segno dal gruppo, vanno ricordate almeno quelle nel barcellonese al Banco de Bilbao di calle Mallorca e al Banco de Vizcaya di calle Rocafort.

Il 26 agosto 1949 un'imboscata della Guardia Civil sorprese Celedonio e altri compagni che tentavano di raggiungere la Francia. Riuscirono a scampare all'agguato solo Facerias e il poumista filo-anarchico Antonio Franquesa Funoll; persero invece la vita Enrique Martínez Marín, detto Quique (da non confondere col Quico Sabaté) e Celes, che vennero sepolti nel cimitero di Espolla, a Girona. Celes lasciò la sua compagna, Remedios Falceto, e la piccola Olga. Remedios continuò la sua militanza della sezione delle Juventudes Libertarias del quartiere Carmelo[2].

Note[modifica]

  1. Anarcoefemèrides del 24 de gener: Juan Cazorla Pedrero, da Anarcoefemèrides
  2. J. M. Tegrido-Mallart, El Maquis: Recuperem la memòria, Associació Cultural La Fraternal Espollenca [espolla.org]

Collegamenti esterni[modifica]