Still working to recover. Please don't edit quite yet.

CNT-Vignoles

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search
Nuvola apps xmag.png Per approfondire, vedi CNT.
CNT-F
La CNT-Vignoles (o CNT-f) è chiamata così per il nome dove è localizzata la sua sede principale a Parigi. L’organizzazione dichiara di non esser anarcosindacalista bensì d’essere un’organizzazione sindacalista rivoluzionaria. Gli anarchici, che pure sono presenti, sono nell’organizzazione una minoranza.

Storia[modifica]

Per la storia della confederazione prima della scissione, vedere CNT-AIT.

Nel 1993, e in seguito ad una divergenza sulla partecipazione alle elezioni professionali, una scissione si è realizzata nell'ambito della Confédération nationale du travail francese. Una parte della CNT era legata al principio di non-partecipazione alle elezioni professionali. L'altra parte invece riteneva questo come un dogma inaccettabile, soprattutto perché così veniva limitata la possibilità  di incidere nelle lotte sindacali, in particolare in quelle aziende dove la lotta anti-padronale è molto difficile.

Questa differenza di posizioni "ideologiche" ha comportato l'esclusione di una parte della Confédération nationale du travail dall'Associazione Internazionale dei Lavoratori (anarco-sindacalista) (AIT), ufficializzata durante il congresso di Madrid nel 1996. Ritenendo questo voto anti-democratico e non valido (poche sezioni presenti e comunque con uno scarto minimo), la parte sconfitta scelse di fondare un nuovo gruppo denominato "CNT-Vignoles" (dal nome della strada dove si trova la sua sede a Parigi) o "CNT-F" (dal nome del suo dominio Internet).

Sébastien Briat, militante antinuclearista della CNT-Vignoles. Briat è morto nel 2004 investito da un treno che trasportava scorie nucleari

La posizione più "aperta" della CNT-f ha fatto sì che questa abbia beneficiato, almeno numericamente, di un buon numero di militanti, soprattutto dopo gli scioperi del 1995, che passarono da poche centinaia di persone nei primi anni '90 ad un migliaio nel novembre 2003, quando si tenne a Parigi il Forum Sociale Europeo (FSE) e il Forum Sociale Libertario (SLF). Da quel momento, il numero crescente di membri della CNT-f ha inciso profondamente sulla sua composizione. Molti giovani, attratti da idee comuniste libertarie legate al sindacalismo, moltiplicando così le sezioni CNT nelle scuole superiori e nelle università  della Francia, aumentando l’affezione verso i sindacati non allineati. Inoltre, molti sindacalisti delusi dalle loro attività  nei sindacati istituzionalizzati o in quelli riformisti, hanno scelto di aderire alla CNT-Vignoles. Così in molti posti di lavoro molte battaglie sindacali hanno assunto toni radicali e sono stati diffusi concetti tipicamente anarchici come autogestione e azione diretta. Oggi, portatrice di un sindacalismo libertario rinnovato, la CNT-f ha cominciato anche a stabilire contatti con gli altri sindacati, sia per le sue richieste che per le forme di azione che essa propone.

Per la sua struttura di « sindacato rivoluzionario », la CNT detta "di Vignoles" è maggiormente impegnata nel campo del mondo sindacale che in quello politico. Pur non riuscendo a presentare un'idea politica ben definita - che è ciò di cui l'accusa la CNT-AIT - la CNT di Vignoles è ugualmente presente in prima fila in molte battaglie che si svolgono in tutta Europa e nel mondo.

A livello internazionale, la cosiddetta CNT di "Vignoles" intrattiene relazioni sia con organizzazioni della SIL, come la SAC svedese o la CGT spagnola, e sia con organizzazioni dell'AIT (come la FAU tedesca).

Voci correlate[modifica]

Collegamenti esterni[modifica]