Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Bruno Bauer

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search
Bruno Bauer
Bruno Bauer (Eisenberg, 6 settembre 1809 - Berlino, 13 aprile 1882), è stato un teologo, storico e filosofo tedesco della Sinistra hegeliana.

Biografia[modifica]

Bruno Bauer nasce ad Eisenberg il 6 settembre 1809, presso una famiglia benestante. Quando ha sei anni la sua famiglia si trasferì a Berlino. Nel 1828 si iscrisse all’Università  per studiarvi filosofia e teologia, avendo come professori Hegel, Schleiermacher, e gli hegeliani Hotho e Marheinecke. Nel 1829 Hegel fece premiare un suo saggio sull'estetica kantiana.

Nel 1834 divenne professore di teologia. Nel 1835 pubblicò, negli Jahrbücher für wissenschaftlichen Kritik (Annali di critica scientifica), una critica della Vita di Gesù di David Friedrich Strauss. Favorì inoltre la pubblicazione di Zeitschrift für speculative Theologie (Periodico di teologia speculativa), in cui collaborarono esponenti della destra hegeliana come Gabler, Erdmann, Göschel e Schaller, con l'intento di comtrastare le tesi di Strauss sulla vita di Gesù.

Nel 1838 l’attacco al teologo ortodosso Hengstenberg gli costò il trasferimento all'Università  di Bonn. Nel 1840 e nel 1841 la pubblicazione alcuni testi, orientati verso la sinistra hegeliana, portarono alla sua destituzione dall'insegnamento nell'Università  di Bonn e poi, nel 1842, al suo allontanamento dalla cattedra. Successivamente si dedicò alla critica biblica e alla negazione della personalità  storica di Gesù, ritenuto una fantasia dei Vangeli.

Nel 1843 Bauer, con Cristianesimo svelato, spiegò come mai il cristianesimo aveva creato per l’uomo i “valori” dell'infelicità  e del dolore, i quali erano per Bauer prodotti del periodo di transizione storica. Bauer assunse posizioni ateistiche e di ostilità  totale nei confronti del cristianesimo. Nello stesso anno si dedicò allo studio della storia, soprattutto dell'Illuminismo e della Rivoluzione francese, esprimendosi farevolmente sull’emancipazione degli ebrei ponendo però come premessa obbligatoria la loro rinuncia alla fede giudaica (vedasi il suo "La capacità  degli ebrei e dei cristiani d'oggi a diventar liberi" e l'analisi che ne fa Marx in "Sulla questione ebraica"). Nel 1848, insieme con il fratello Edgar, fondò la Società  democratica di Charlottenburg.

Dopo la repressione della rivoluzione del 1848, i suoi orientamenti politici voltarono verso posizioni conservatrici, divenendo anche corrispondente del quotidiano americano New York Daily Tribune. Le sue posizioni restarono comunque non-ortodosse: anticipando Nietzsche, annunciò che era imminente il crollo della civiltà  e della cultura europea tradizionale, segnando un nuovo inizio di una nuova epoca, accompagnato dalla liberazione dai valori tradizionali e da ogni falsità  metafisica e religiosa.

Il disprezzo per la tradizione e la religione la caraterizzò sempre sino alla fine dei suoi giorni, rimanendo legato a personaggi radicali come Max Stirner. Alla morte di questi, il 26 giugno 1856, Bruno Bauer fu uno dei pochi intimi che accompagnò la salma del filosofo individualista di L'Unico e la sua proprietà .

Dal 1859 al 1866 cooperò con Friedrich Wagener al Staats- und Gesellschafts Lexikon, pubblicando 23 volumi e scrivendo articoli, per svariati giornali e riviste, molti dei quali con contenuti antisemiti.

Bruno Bauer morì a Berlino il 13 aprile 1882.

La religione come sventura del mondo[modifica]

«Ora che la religione è stata recisa dalla ragione, dal pensiero, ormai il pensiero sarebbe emancipato, sarebbe in libertà  come il contenuto religioso ed il cuore: ed allora si potrebbe passare ad una vera lotta tra le due parti, senza intermediari, ad una lotta sul cui esito, la distruzione della religione, non ci sarebbero dubbi.» (La tromba del giudizio universale contro Hegel ateo e anticristo)

Tra il 1838 ed il 1841 uscirono gli Annali di Halle per la scienza e l'arte tedesca redatto da Arnold Ruge, dove scrissero, tra gli altri, Feuerbach, Marx e lo stesso Bauer. Bruno Bauer, infatti, passò in questi anni dalla Destra alla Sinistra hegeliana chiedendosi:

«Chi è l'egoista? Il credente, che lascia perdere Stato, storia e umanità , e sulle rovine della ragione e dell'umanità  si occupa solo della sua anima miserabile senza interesse? O l'uomo, che vive e lavora insieme con gli uomini e in famiglia, Stato, Arte e scienza soddisfa la sua passione per l'umanità ?»

L'uomo religioso per Bauer è colui che non trova niente di buono in questo mondo ed è un egoista poichè si isola e non si cala nel fronte di combattimento dell'umanità .

Nel 1841 Bauer pubblicò La tromba del giudizio universale contro Hegel ateo e anticristo, dove dimostra che, proprio a partire dalla prospettiva di Hegel, la religione deve essere negata e che l'ateismo è verità .

Bibliografia (incompleta)[modifica]

  • Christus und die Caesaren (Cristo e i seguaci di Cesare), 1877.
  • Kritik der Evangilen und Geschichte irhes Ursprung (Critica dei Vangeli e storia della loro origine), 1852.
  • Die Posaune des juegnsten Gerichts ueber Hegel den Atheisten und Antichristen. Ein ultimatum ( La tromba dell'ultimo giudizio contro Hegel ateo ed anticristo. Un ultimatum, tr. it. di Eleonora De Conciliis, con una introduzione di Massimiliano Tomba, Napoli, Edizioni Immanenza, 2014 ) 1841.
  • Kritik der evangelischen Geschichte der Synoptiker (Critica della storia evangelica dei sinottici), 1841.
  • Cristianesimo svelato, 1841.
  • Kritik der evangelischen Geschichte des Johannes (Critica della storia evangelica di Giovanni), 1840.

Voci correlate[modifica]

Collegamenti esterni[modifica]