Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Arthur Arnould

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search
Arthur Arnould

Arthur Arnould (Dieuze, Meurthe, Francia, 17 aprile 1833Parigi, 26 novembre 1895), fu un comunardo anarchico.

Biografia[modifica]

Figlio di Edmond Arnould, un professore della Sorbona, fu redattore de La Marseillaise e oppositore del Secondo Impero, venendo condannato più volte. Proclamata la Repubblica il 4 settembre 1870, fu vice-sindaco del IV arrondissement di Parigi. Aderì alla Comune su posizione anarchiche e il 26 marzo 1871 fu eletto al Consiglio della Comune, dove ricoprì diversi incarichi: prima commissario delle Relazioni estere, poi del Lavoro, poi della Sussistenza e infine dell'Insegnamento. Si occupò anche della redazione del Journal Officiel.

Appartenente alla minoranza, fu contrario alla creazione del Comitato di Salute pubblica. Alla repressione della Comune, riuscì a fuggire in Svizzera e venne condannato in contumacia alla deportazione. A Ginevra collaborò al foglio anarchico La Révolution sociale poi, nel 1873, risiedette a Lugano. Dopo un viaggio a Buenos Aires, dal 1874 al 1877 visse nella comunità  anarchica della Luina di Pazzallo, vicino Lugano, dove conobbe Michail Bakunin, sul quale scrisse un saggio.

Si trovava a Ginevra, quando lo raggiunse la notizia dell'amnistia dei comunardi, decretata in Francia nel luglio del 1880. Tornato a Parigi, lasciò la politica per la letteratura scrivendo, con lo pseudonimo di A. Matthey - Matthey era il cognome della moglie Jeanne - numerosi romanzi. Negli ultimi anni si dedicò alla teosofia e fu presidente della Società  teosofica della capitale.

Scritti[modifica]

  • L'État et la Révolution
  • Histoire populaire et parlementaire de la Commune de Paris.
  • Une campagne à  « La Marseillaise ».
  • Souvenirs de deux communards réfugiés à  Genève, 1871-1873 (con Gustave Lefrançais).

Collegamenti esterni[modifica]