Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Pierre-Joseph Proudhon

From Anarchopedia
(Redirected from proudhoniano)
Jump to: navigation, search
Pierre-Joseph Proudhon
Pierre-Joseph Proudhon (Besançon, Francia, 15 gennaio 1809 - Parigi, 19 gennaio 1865), è stato un pensatore, economista, sociologo e rivoluzionario francese. È ritenuto da molti il “Padre dell’anarchismo”, poiché è stato il primo ad utilizzare il termine «anarchia» per indicare il fine della teoria politica da egli sviluppata.
« L’anarchia è una forma di governo o di costituzione nella quale la coscienza pubblica e privata, formata dallo sviluppo della scienza e del diritto, basta da sola a mantenere l’ordine ed a garantire tutte le libertà . » (Pierre-Joseph Proudhon)

Biografia[modifica]

Pierre-Joseph Proudhon nasce a Besançon il 15 gennaio 1809 presso una famiglia di modeste condizioni economiche. Nonostante le difficoltà  riesce a frequentare il College di Besancon grazie ad una borsa di studio, ma ben presto deve abbandonare i banchi di scuola per problemi economici.

Primo anarchico della storia[modifica]

Si trasferisce quindi a Parigi dove entra in contatto con i gruppi rivoluzionari francesi e nel 1840 pubblica il celebre scritto Che cos’è la proprietà ?, in cui si dichiara anarchico (il primo nella storia ad usare quel termine con accezione positiva):
«Sei un repubblicano?»
«Repubblicano [...] sì. Ma non significa nulla. Res publica, la cosa pubblica. Chiunque si interessi alla cosa pubblica può definirsi repubblicano. Anche i re sono repubblicani.»
«Bene! Quindi sei un democratico?»
«No.»
«Cosa? Forse un monarchico?»
«No.»
«Costituzionalista?»
«Dio non voglia!»
«Vorresti una forma di governo mista?»
«Meno che mai...»
«E allora cosa sei?»
«Un anarchico...»
«Ah, [...] capisco. Sei ironico.»
«Assolutamente no. Ti sto dando la mia seria e ponderata professione di fede. Sebbene un fervente sostenitore dell'ordine, io sono - nel più forte significato del termine - un anarchico.»

Le sue considerazioni gli procurano i primi guai giudiziari, viene infatti accusato di attentato alla proprietà  privata e alla religione e di incitamento all'odio per i governi. Sarà  però assolto.

Attività  politica e letteraria[modifica]

Nel 1843 si trasferisce nella città  di Lione dove conosce i seguaci di Cabet, Saint-Simon, e della socialista peruviana Flora Tristan. Ritornato (1844) a Parigi conosce tra gli altri Karl Marx e Michail Bakunin. Nel 1848 prende parte alla rivoluzione, pubblica anche il primo periodico anarchico dal titolo «Il rappresentante del popolo». Successivamente, nello stesso anno, pubblica altri due periodici: «Il popolo» e «La voce del popolo».

Ancora nel 1848 viene eletto all’Assemblea Nazionale, ma quest’attività  si scontra con il suo pensiero antiautoritario, per questo il 2 luglio del 1848 pronuncia un violentissimo discorso contro la borghesia francese. L'esperienza parlamentare non farà  altro che incrementare la sua diffidenza verso la politica parlamentare.

La Banca del Popolo[modifica]

Nel 1849, per realizzare i principi della mutualità  da lui sostenuti, fonda la "Banca del Popolo" (un sistema di crediti a tassi bassissimi). Un'istituzione nuova, diversa dalle banche capitalistiche, creata e gestita dagli stessi lavoratori e che avrà  la funzione di creare una nuova organizzazione sociale capace di fare a meno dello Stato:

«...ciascuno farà  quanto gli sarà  possibile e solo questo. Prenderà  direttamente parte alla formulazione delle leggi e al governo, così come parteciperà  alla produzione e alla circolazione monetaria. Ogni cittadino sarà  sovrano e avrà  pieni poteri; regnerà  e governerà  e l'anarchia diventerà  anarchia positiva”» (L'anarchia, Arnoldo Mondadori Editori)

In seguito Proudhon viene condannato al carcere (3 anni), per attività  sovversiva, nello specifico la sua colpa è quella di aver attaccato Luigi Bonaparte (il futuro Napoleone III). Durante il periodo del carcere scrive alcuni libri e matura convinzioni ancora più profonde sull'ineluttabilità  della rivoluzione.

Scontata la pena, trova enormi difficoltà  per continuare la sua attività  di scrittore, anche perché viene nuovamente arrestato per “offesa alla moralità ”. Per sfuggire alle persecuzioni giudiziarie è costretto a passare un periodo di esilio in Belgio (1858) dopo il quale ritorna a Parigi (1862), dove affronta i temi nazionalistici e quelli dello Stato (già  nel 1848 si dichiarò in favore dell’abolizione delle frontiere nazionali).

L'ultimo periodo[modifica]

Verso la fine della sua vita, Proudhon cambia parzialmente le sue iniziali posizioni in materia di concezione dello Stato e del governo. Nel testo Del principio federativo definisce il federalismo come teoria dello stato basato sul contratto politico (o di federazione), affermando inoltre che questo potrebbe essere la «religione civile dell'umanità » per i prossimi secoli.

Proudhon muore a Parigi il 19 gennaio 1865.

Il pensiero[modifica]

Exquisite-kfind.png Vedi, Anarchismo proudhoniano.
Pierre-Joseph Proudhon e i suoi figli

Per Proudhon la giustizia è naturalmente intrinseca nella coscienza e nella storia umana: «giacché, se la giustizia non è innata all’umanità , se le è superiore, esterna e straniera, ne risulta che la società  umana non ha leggi proprie, che il soggetto collettivo non ha costume; che lo stato sociale è uno stato contro natura, la civilizzazione è una depravazione».

Sul piano politico Proudhon critica l’accentramento statale (da qui prende forma il concetto di federalismo), auspicando l’abolizione dello Stato e di ogni forma di dominio, così da promuovere quell’assoluto egualitarismo di cui egli si fa assertore: per Proudhon appropriarsi dei frutti di un valore che non è stato prodotto con il proprio lavoro è un furto. Per l’anarchico francese il possesso di un bene è legittimo, non lo è invece la proprietà  («La proprietà  è un furto!»). Egli individua proprio nella cristallizzazione della proprietà , tramandata di padre in figlio senza alcun “merito”, la causa principale degli squilibri sociali.

Pur essendo un socialista, egli è critico con il socialismo, che sacrifica l’individualità  in nome dell’ideologia politica (il suo pensiero è definibile come "individualismo sociale"). Di qui il suo vagheggiamento di una società  mutualistica in cui l’uguaglianza e la libertà  individuale siano realizzate senza alcuna collettivizzazione. In questo senso va interpretato il progetto della Banca del popolo (1849) che avrebbe dovuto favorire, mediante l'utilizzo di “buoni di lavoro”, lo scambio fra i lavoratori con credito a basso tasso d’interesse. L’idea fu quella di favorire lo sviluppo di una rete associativa di lavoratori liberi e tra loro federati, che eliminasse la figura parassitaria del finanziere (che guadagna denaro prestando altro denaro), in modo che tutti potessero avere a disposizione i capitali necessari a realizzare una società  di piccoli imprenditori, liberi e né sfruttatori né sfruttati.

La dialettica[modifica]

La dialettica proudhoniana si contrappone alla dialettica hegeliana. Per Proudhon tesi e antitesi non si risolvono dialetticamente nella sintesi, in quanto le opposizioni reali (le contra-dictio filosofiche), raggiungono la conciliazione universale attraverso l'universale opposizione.

Critiche[modifica]

Proudhon è un autore ambiguo su molti argomenti e si faceva molto trasportare dal clima degli avvenimenti. Spesso, quando gli si faceva notare l'assurdità  di alcune sue affermazioni, provvedeva a spiegarsi meglio e talvolta accusava i suoi interlocutori di non aver capito il senso delle sue considerazioni. Buona parte delle sue opere sono costituite infatti da articoli di giornali e riviste e lettere, da cui si possono attingere, come per qualsiasi autore di aforismi, detti, sentenze ecc, delle più varie. Ha riveduto infatti spesso molte delle sue affermazioni successivamente nei suoi lavori più maturi.

Era un autore soprattutto autodidatta, disfarsi dei luoghi comuni dell'epoca non era certamente facile. Morendo "giovane", cioè nel pieno delle sue capacità  intellettuali ancora probabilmente da dispiegare e volendo occuparsi di tutto lo scibile, ecc. si possono isolare qua e là  frasi dai contenuti ambigui. Due delle critiche più pesanti rivolte a Proudhon sono la misoginia e l'antisemitismo. Queste critiche non sono prive di fondamento, tuttavia bisogna sottolineare che i suoi scritti non si occupano a fondo di dimostrare l'inferiorità  mentale della donna e la necessità  di eliminare gli ebrei dalla finanza e dalla faccia della terra. Si tratta di considerazioni proudhoniane estrapolate dagli storici da lettere, articoli, ecc.

La misoginia[modifica]

Riguardo alla questione femminile e sessuale Proudhon si dichiara favorevole alla subordinazione della donna all'uomo (relegata cioè al ruolo di moglie e madre nell'ambito familiare) e contrario a determinate relazioni sessuali che bolla come perversioni. La misoginia di Proudhon è esplicitata in una sua lettera spedita in risposta alla femminista Jenny Héricourt, che lo aveva attaccatto personalmente nell'articolo Il signor Proudhon e la questione delle donne (1856). La risposta di Proudhon sarà  diffusa da qualche giornale francese ma non sarà  mai pubblicata in nessuna opera, se non postuma in qualche bibliografia.

Joseph Déjacque lo accuserà  nella lettera De l'être-humain mâle et femelle di incoerenza rispetto alle sue professate idee anarchiche, definendolo liberale e non libertario.

Bisogna considerare che l'epoca in cui visse era molto misogina in generale, anche se meno negli ambienti socialisti, da buon intellettuale organico del contadino ed artigianale quale egli era, vedeva nella donna un essere da proteggere in generale, dalla violenza del mondo sociale urbano (sfruttamento nei lavori pesanti, prostituzione). Alcuni storici ritengono che il suo atteggiamento verso la donna sia da considerare paternalistico piuttosto che misogino.

L'antisemitismo[modifica]

L'antisemitismo era uno stereotipo radicato nella società  europea da secoli, tuttavia Proudhon non concepiva gli ebrei come una razza a sè stante (antiumana, deicida, ecc.), come gli antisemiti più viscerali del XIX secolo, quanto disprezzava invece la sua élite plutocratica sostenitrice dei valori filosistemici, il loro quasi monopolio del mondo finanziario, sebbene Hannah Arendt abbia sostenuto che tale potere esistesse nel XIX secolo ma fosse anche proprio allora in pieno declino, in quanto questa funzione era sempre più espletata (secondo la Arendt) da figure di banchieri nazionali e dallo stesso Stato.

L'antisemitismo di Proudhon è visibile in alcuni scritti del 1847, estratti dal suo diario personale (pubblicati dopo la sua morte), che fanno riferimento ad un incontro, una sera al bar, tra Proudhon e alcuni antisemiti tedeschi. L'anarchico francese cita il giudaismo anche in La stampa belga e l'Unità  italiana, un articolo dell'ottobre 1862 tratto da La fédération et l'Unité en Italie:

«Il sistema unitario, o delle grandi zone, ha come scopo di spartire l'Europa, e in seguito la maggior parte del globo, tra cinque o sei vasti focolai, costituiti essi stessi sul principio della subordinazione delle province e comuni, di conseguenza sull'assorbimento delle province e comuni, conseguentemente sull'assorbimento di ogni libertà  come di ogni nazionalità . È una nuova specie di feudalesimo imperialista e comunitario, che giunge sino alla proprietà , all'industria, di cui la bancocrazia giudaico-sansimoniana, più della Chiesa, sarà  l'anima, e l'Opinion nationale il principale organo.»

Egli evidentemente ce l'ha con il capitalismo finanziario, anche se non evita però di usare lo stereotipo dell'ebreo usuraio, a quell'epoca identificabile con dei grandi gruppi di banchieri internazionali, i Rothschild, inevitabilmente.

Opere[modifica]

  • Qu'est ce que la propriété? (1840)
  • Système des contradictions économiques ou Philosophie de la misère (1846)
  • Le manuel du spéculateur à  la bourse (1853)
  • De la justice dans la révolution et dans l'Eglise (1858)
  • La Guerre et la Paix (1861)
  • Les majorats littéraires: esame di un progetto di legge avente lo scopo di creare, a profitto degli autori, inventori ed artisti, un monopolio perpetuo (1862) Bruxelles: Alphonse Lebègue Editore (piccolo estratto tradotto da Altipiani azionanti)
  • De la capacité politique des classes ouvrières (1865)
  • Théorie de la propriété (1866)
  • Théorie du mouvement constitutionnel (1870)
  • Du principe de l'art (1875)
  • Correspondances (1875)

Voci correlate[modifica]

Collegamenti esterni[modifica]

Articoli di e su Proudhon[modifica]

Testi scaricabili[modifica]

Altre biografie[modifica]