Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Martiri di Chicago

From Anarchopedia
(Redirected from martiri di Chicago)
Jump to: navigation, search
Manifesto dei sette anarchici condannati a morte (due saranno graziati nel 1893). Un ottavo imputato, Oscar Neebe, qui non rappresentato, fu condannato a 15 anni di carcere.

Il 4 maggio 1886, ad Haymarket Square, a Chicago, durante un raduno di lavoratori\lavoratrici ed anarchici in solidarietà con i lavoratori\lavoratrici in sciopero, una bomba fu lanciata da un ignoto su un gruppo di poliziotti, di cui uno morì all'istante. Questo fatto fu usato dalle istituzioni come scusa per reprimere il movimento anarchico. Il processo che ne seguì portò alla condanna a morte per impiccagione di sette anarchici (due di loro furono in seguito graziati), poi riconosciuti innocenti, e ad una condanna a 15 anni. I condannati, passati alla storia come "Martiri di Chicago", sono ancora oggi ricordati come vittime della repressione contro anarchici e sindacalisti.

I fatti[modifica]

Gli anni 1885-86 avevano visto i lavoratori americani in prima fila per le rivendicazioni sindacali, in particolare per quelle riguardanti le otto ore lavorative. left|350 px|thumb|Disegno rappresentante gli scontri di Chicago

Il primo maggio 1886, a Chicago, oltre 50.000 lavoratori proclamano lo sciopero per imporre al padronato le otto ore lavorative. In un clima di tensione, e di numerose provocazioni poliziesche, si susseguono cortei, comizi ed iniziative varie. Il 3 maggio, davanti alle fabbriche Mc Cormick, in Haymarket square, si svolge un presidio di lavoratori per impedire azioni di crumiraggio, durante il quale prendono la parola gli esponenti più importanti del movimento operaio, tra cui i militanti anarchici, che consideravano la campagna per le otto ore solo come un primo passo verso la rivoluzione sociale. Al termine dell’iniziativa, alcuni agenti delle “forze dell'ordine” caricano i manifestanti, iniziando a sparare all'impazzata. Il risultato è di quattro morti e centinaia di feriti.

La notte stessa si svolge al Grief Hall un incontro al quale partecipano tra gli altri anche George Engel, Louis Lingg e Adolph Fischer. In seguito i pubblici ministeri definiranno quell'incontro la "Cospirazione del Lunedì Notte", poiché secondo loro proprio durante questa notte sarebbe stato messo in atto un piano per attaccare la polizia il giorno seguente.

La reazione operaia non si fa attendere ed il giorno seguente, 4 maggio, ventimila lavoratori e lavoratrici si ritrovano in Haymarket square, il luogo della strage. I leader anarchici, Spies, Parsons e Fielden, parlano alla folla, in un clima carico di tensione, ma fondamentalmente pacifico e tranquillo. Incredibilmente, mentre Fielden stava terminando il comizio, e quando l'evento sembrava destinato a terminare anche per colpa della pioggia insistente, la polizia inizia a caricare i manifestanti. Nella confusione una bomba scoppia in mezzo ad un plotone di poliziotti, opera probabilmente di un provocatore [1], che provoca la morte del poliziotto Mathias J. Degan. A questo punto le forze dell'ordine si sentono legittimate a sparare sulla folla e a proseguire nella carica con ancor maggiore violenza: vengono ferite dozzine di persone; undici, fra cui sette agenti colpiti dal fuoco amico, invece perdono la vita. In seguito le istituzioni inizieranno una campagna diffamatoria e repressiva nei confronti degli operai e dei sindacalisti.

Le prime vittime di questa caccia al “rosso” sono proprio gli esponenti maggiormente di spicco del movimento dei lavoratori, ovvero gli anarchici che avevano dato forza e coscienza al movimento di lotta: August Spies, Samuel Fielden, Adolph Fischer, George Engel, Michael Schwab, Louis Lingg, Oscar Neebe.

Inizialmente Albert Parsons (marito di Lucy Parsons) è latitante, in seguito, in segno di solidarietà con i suoi compagni, si consegna alla polizia e va a sedere sul banco degli imputati accanto ai sette compagni.

«Mi uccideranno - disse Parsons a chi gli chiese spiegazioni per il suo gesto - ma non potevo restarmene in libertà sapendo che i miei compagni erano stati arrestati e sarebbero stati giustiziati per fatti di cui essi sono colpevoli al pari di me ...» .

Il processo e la condanna a morte[modifica]

Presieduto da giudice Joseph Gary, il processo inizia il 21 giugno 1886 alla Corte di Cooke County. Sulla base della composizione della giuria - uomini d'affari, loro impiegati ed un parente di uno dei poliziotti morti - tutto lascia supporre che la sentenza in pratica sia già stata scritta. Non c'è nessuna prova a carico degli imputati - difesi dai coraggiosi avvocati William Perkins Black, Sigmund Zeisler e Moses Salomon -, infatti l'accusa non riuscirà in alcun modo a dimostrare alcun collegamento tra gli imputati e il lancio della bomba, ma li accuserà comunque responsabili di cospirazione e incitamento alla violenza.

Lucy Parsons, moglie di Albert Parsons, si battè in difesa degli imputati e poi in ricordo della loro memoria

Proprio perché non ci sono prove il processo si svolge su un piano puramente ideologico, ad essere sotto accusa è in realtà l'anarchismo, il socialismo e il movimento operaio: tre degli accusati erano stati oratori (August Spies, Albert Parsons e Samuel Fielden), assai moderati, al comizio di Haymarket, altri tre non c'erano nemmeno andati (Louis Lingg, George Engel, Oscar Neebe), gli altri tre avevano lasciato la manifestazione prima dello scoppio della bomba (Michael Schwab, Adolph Fischer).

Nel frattempo la stampa reazionaria diffondeva menzogne ad arte contro gli anarchici; il New York Tribune sostiene la tesi secondo la quale gli operai aspettavano solo l'arrivo dei poliziotti per farne strage. Solo il John Swinton's Paper si distingue scrivendo: «Se non ci fosse stata la minaccia di un reparto armato arrivato proprio sul luogo della riunione, se questo reparto si fosse astenuto dal tentativo di far fallire il comizio in quanto in esso non si era notato nessun segno di ribellione, allora non c'è alcuna ragione di credere che i discorsi di denuncia degli oratori non sarebbero finiti pacificamente... come previsto, verso le dieci ...» [2].

L'accusa si avvalse anche di testimoni provocatori: Waller (sua sorella dichiarò successivamente che il capitano di polizia Shaak gli aveva consegnato una grossa somma di denaro), Shrade e Scliger. Gli ultimi due non apparsero per nulla convincenti, mentre Waller addirittura si contraddisse in aula, ammettendo ad esempio che la polizia era comparsa al comizio in modo inatteso[2]. Inizialmente i giudici intendevano separare i cosiddetti cospiratori - Louis Lingg, George Engel e Adolph Fischer - dagli altri attivisti. Si sapeva, infatti, che questi tre uomini s'erano incontrati la notte di lunedì 3 maggio, poche ore dopo l'ennesimo massacro operaio da parte delle forze dell'ordine, nella Greif’s Hall; la pubblica accusa intendeva dimostrare che durante quell'incontro era stata programmata la cospirazione, ma invece secondo gli anarchici s'era esclusivamente parlato della possibilità di difendersi nel caso di un ennesimo attacco da parte della polizia. Alla fine però il tribunale decide di non procedere più in questa direzione e l'idea di separare gli anarchici accusati in due gruppi verrà abbandonata.

Senza essere riusciti a stabilire chi fosse stato a lanciare la bomba in mezzo alla folla [3], il 19 agosto [4] sette degli otto imputati vengono condannati a morte: Adolph Fischer, August Spies, George Engel e Albert Parsons vengono impiccati l'11 novembre del 1887. Louis Lingg sfugge alla forca, a cui era stato condannato, suicidandosi in carcere il giorno prima dell'esecuzione. A Samuel Fielden e Michael Schwab, in seguito alla domanda di clemenza rivolta al governatore Richard James Oglesby, la pena viene commutata nell'ergastolo. Nel 1893 il governatore dell'Illinois, John Peter Altgeld, concederà loro la grazia. Stesso provvedimento riceverà Oscar Neebe, che invece era stato condannato a 15 anni.

In seguito, dopo la lettura della sentenza, alcuni dei condannati commentano così il verdetto:

«Intendo solo protestare contro la pena di morte che mi è stata comminata perché non ho commesso alcun crimine ... ma se devo essere impiccato per aver professato le mie idee anarchiche, per il mio amore della libertà, uguaglianza e fraternità, non ho alcun problema. Lo dico ad alta voce: dispongano della mia vita» (Adolf Fischer)
«Il principio fondamentale dell'anarchia è l'abolizione del salario e la sostituzione dell'attuale sistema industriale e autoritario con un sistema di libera cooperazione universale, la sola che può risolvere il conflitto esistente. La società odierna sopravvive grazie alla repressione, noi abbiamo consigliato una rivoluzione sociale dei lavoratori contro questo sistema di forza. Se devo essere impiccato per le mie idee anarchiche, va bene: uccidetemi.» (Albert Parsons)
«Vostro onore, la mia difesa è proprio la sua accusa, miei presunti crimini sono la mia storia. [...] Può condannarmi, però almeno che si sappia che nello Stato dell'Illinois otto uomini furono condannati per non abiurare la loro fede nel trionfo finale della libertà e della giustizia» (August Spies)

Il giorno della condanna Spies, Parsons, Engel e Fischer si mostrarono sereni, rivolgendo un pensiero alle loro mogli e figli e alla causa socialista ed anarchica. Le ultime parole pronunciate dai nostri amici furono [5]:

  • Spies: «Salute, verrà il giorno in cui il nostro silenzio sarà più forte delle voci che oggi soffocate con la morte!»
  • Fischer: «Hoc die Anarchie! (Viva l'anarchia!)»
  • Engel: «Urrà per l'anarchia!»
  • Parsons: «Lasciate che si senta la voce del popolo!»

Il ricordo dei martiri[modifica]

thumb| Monumento in ricordo dei martiri Il giorno del funerale dei martiri anarchici, il 13 novembre, 200 000 lavoratori e lavoratrici parteciparono con l'intento di commemorare il sacrificio degli anarchici assassinati dalla giustizia dello Stato. In seguito il movimento internazionale dei lavoratori, nel 1889 a Parigi, propose di ricordare in una giornata di sciopero generale fissata appunto per il primo maggio di ogni anno gli avvenimenti di Chicago. Questa data avrebbe dovuto rappresentare una scadenza fissa di lotta per la conquista delle otto ore lavorative, per ricordare le vittime della repressione padronale e un punto di riferimento per il movimento dei lavoratori in lotta. Insomma, il Primo Maggio avrebbe dovuto rappresentare una giornata di lotta e di memoria storica.

Nel 1893 venne innalzato il Monumento ai Martiri di Haymarket, ad opera dello scultore Albert Weinert. In seguito l'opera venne dichiarata National Historic Landmark dal Dipartimento dell'Interno degli Stati Uniti, unico monumento funerario a ricevere tale onorificenza.

Come curiosità va detto che, in ricordo dei Martiri, nel 1904, a Buenos Aires, un gruppo di persone del luogo, tra cui alcuni anarchici, fondarono una squadra di calcio denominata Martires de Chicago. Quella squadra in seguito assumerà il nome di Argentinos Juniors, una delle più importanti del paese sudamericano.

Note[modifica]

  1. Secondo Wkipedia prima ci sarebbe stato lo scoppio della bomba e in seguito la carica, invece la maggior parte dei siti anarchici sostengono che prima ci sia stata la carica e nel trambusto sia scoppiata la bomba
  2. 2.0 2.1 da "ezeta.net"
  3. Secondo il professore di storia Timothy Messer-Kruse il colpevole potrebbe essere Rudolph Schnaubelt, cognato di Michael Schwab; secondo Howard Zinn, autore di A People's History of the United States, il responsabile sarebbe stato più probabilmente un provocatore al servizio delle istituzioni.
  4. Alcune fonti (es. Effemeridi anarchiche (in francese)) riportano il 20 agosto come data della sentenza
  5. I martiri di Chicago

Bibliografia[modifica]

  • Ricardo Mella, Primo Maggio. I martiri di Chicago, Zero in condotta, Milano, 2009
  • Avrich, Paul. The Haymarket Affair.
  • AA.VV, Il nostro maggio. All’origine della festa dei lavoratori: autobiografie e testimonianze da Chicago, Edizioni Spartaco, 2005.

Voci correlate[modifica]

Collegamenti esterni[modifica]

Articoli e opuscoli[modifica]

Biografie dei martiri[modifica]


Martiri di Chicago Martiri di Chicago Categoria:Anarchismo negli Stati Uniti