Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Plotino Constantino Rhodakanaty

From Anarchopedia
(Redirected from Plotino Rhodakanaty)
Jump to: navigation, search

Plotino Constantino Rhodakanaty (Atene, Grecia, 14 ottobre 1828 - ) è stato un filosofo utopista e mistico, pedagogo e anarchico greco che fu attivo nel nascente movimento messicano.

Biografia[modifica]

Orfano dalla tenera età  di suo padre, un greco, parte insieme alla madre, austriaca, verso Vienna in cerca di nuove opportunità . In questa città  inizia i suoi studi di medicina che terminerà  più tardi a Berlino, dopo una deviazione per Budapest nel 1848, dove si batte per l’indipendenza dell'Ungheria. Durante questi anni scopre le teorie di Charles Fourier e gli scritti di Proudhon che lo segnano profondamente.

Nel 1857, risiede a Parigi e pubblica nel 1860, un primo libro improntato di panteismo: Della naturalezza. Cogliendo l'opportunità  di porre in praticale sue idee fourieriste di colonie agricole, parte per il Messico, dove giunge nel febbraio del 1861. Stabilitosi a Veracruz, capisce che la situazione politica è mutata, e davanti all’impossibilità  di realizzare il suo progetto, trova un posto di insegnante di filosofia, poi pubblica un opuscolo di volgarizzazione Manuale socialista.

Nel 1863, comincia a costituire un gruppo di studenti a cui espone le sue idee. Studenti socialisti rivoluzionari, tra cui Hermenegildo Villavicencio, Santiago Villanuerva e Francisco Zalacosta, che passeranno presto alla pratica creando nel 1865 la sezione internazionalista La Sociale poi diverse società  mutualiste che saranno all'origine dei primi scioperi operai del Messico, duramente repressi dal governo dell'epoca. Gli studenti militeranno in seguito in una Società  Artistica per la quale promuoveranno le loro idee libertarie.

Nel 1865 Plotino, dopo aver dato le sue dimissioni dal suo posto di lavoro, si trasferisce a Chalco, dove tenta di nuovo, ma senza maggior successo, di creare una comunità  libertaria. Fonda allora una scuola per bambini poveri che egli chiama La Scuola della Ragione e del Socialismo. Tra i suoi allievi, Julio Chávez López, che diventato anarchico, guiderà  nel 1869, con i contadini, una vera insurrezione, e si impadronirà  di numerose città  prima di essere catturato e fucilato.

Nel 1876, lasciando la scuola a Francisco Zalacosta, Plotino ritorna in Messico, ma la repressione si intensifica, è arrestato e minacciato di esecuzione prima di essere liberato. Dopo la creazione di un “Grande Circolo di operai del Messico”, il gruppo libertario internazionalista La Sociale è riformato nel marzo del 1871 (per contrastare i riformisti), e Plotino ne fa parte. Il gruppo pubblicherà  i primi giornali veramente anarchici La Comuna (1874) e La Internacional (1878) e entrerà  in contatto con i bakuninisti spagnoli. Nel 1880, Plotino fa ritorno a Chalco ma non può riaprire la sua scuola. Torna allora in Messico dove partecipa alla redazione di El Socialista. Ma nel 1886, scoraggiato dalla repressione, torna in Europa dove si perdono le sue tracce.

Voci correlate[modifica]

Collegamenti esterni[modifica]