Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Sugako Kanno

From Anarchopedia
(Redirected from Kanno Sugako)
Jump to: navigation, search
Kanno Sugako
Kanno Sugako, detta anche Suga Kanno, in giapponese 管野 須賀子 (Osaka, 7 giugno 1881 – Tokyo, 25 gennaio 1911) è stata un'anarco-femminista giapponese.

Biografia[modifica]

Orfana della madre a dieci anni, l'adolescenza di Kanno Sugako non è affatto facile. Vessata dalla seconda moglie del padre, vive in un'emarginazione tale che a quattordici anni subisce l'orrore dello stupro. Sarà  questo dramma ad avvicinarla al socialismo, perchè per lenire il suo dolore aveva cercato conforto nella lettura di un opuscolo socialista che argomentava sulle vittime di abusi sessuali.

A diciassette anni sposa il rampollo di una famiglia di commercianti di Tokyo, ma probabilmente non per amore, bensì per sfuggire alla matrigna.

Le prime esperienze militanti di Kanno sono legate ad un movimento femminile di matrice cristiana che si opponeva ai bordelli legali. Con l'approssimarsi della guerra russo-giapponese, aderisce Movimento per la pace Cristiano-Socialista. Nel 1906 si lega sentimentalmente al leader socialista Arahata Kanson.

Qualche anno dopo, la donna viene coinvolta in una retata poliziesca contro gli autori di un manifesto anarchico, che porterà  all'arresto di diversi militanti anarchici. Si tratta di un avvenimento che nella storia giapponese passerà  alla storia con il nome di Incidente della Bandiera Rossa. La donna viene arrestata mentre andava a visitare gli amici imprigionati. Due mesi dopo il rilascio, collabora alla nascita di un giornale anarchico pensato assieme a Shusui Kotoku: i suoi articoli contenevano considerazioni sulla violenza sessista, sulle disuguaglianze di genere e ovviamente sulla libertà  per tutti, uomini e donne. Il foglio sarà  proibito dalle autorità  dopo pochissimo tempo e Sugako viene nuovamente tradotta in carcere.

Il suo coinvolgimento nel Taigyaku Jiken (caso di alto tradimento), ovvero un piano per uccidere l'imperatore per il quale vengono arrestate 23 persone, è l'accusa che le costa la condanna a morte. In tribunale ha il coraggio di gridare «Lunga vita all'anarchia!» (Museifu shugi banzai!).

«Perseguitateci! Esatto, perseguitateci! Non sapete che per ogni forza ce n'è una che le si oppone? Perseguitateci! Perseguitateci quanto volete. Il vecchio mondo sta combattendo il nuovo – imperialismo contro anarchismo. Continute: prendete il vostro bastoncino e cercate con tutte le forze di fermare l'impeto del fiume Sumida.»[1]

Kanno Sugako fu la prima prigioniera politica ad essere condannata a morte nel Giappone moderno. Viene impiccata il 25 gennaio del 1911, un giorno dopo gli altri compagni. Aveva 29 anni.[2]

Note[modifica]

  1. Kanno Sugako, 21 gennaio 1911, pochi giorni prima dell'esecuzione – tratto da Japanarchy
  2. Suga Kanno, da rowdiva.com

Voci correlate[modifica]