Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Emídio Santana

From Anarchopedia
(Redirected from Emidio Santana)
Jump to: navigation, search
Emidio Santana
Emídio Santana (Lisbona, 4 giugno 1906 — Lisbona, 16 ottobre 1988) è stato un anarchico portoghese. Fu autore di diversi articoli e saggi sull'anarco-sindacalismo e mutualismo.

Biografia[modifica]

Dopo i primi studi all'Escola Oficina nº 1 di Lisbona, Santana si trova a vivere le gravi dififcoltà  economiche causate dalla partecipazione del Portogallo alla Prima Guerra mondiale. Si forma politicamente grazie alla lettura del giornale A Batalha, che nella casa di famiglia era praticamente sempre presente.

Emídio Santana, dopo essere stato assunto come apprendista carpentiere, inizia la militanza nel Sindicato Nacional dos Metalúrgicos («Sindicato Nazionale dei Metallurgici»), un'organizzazione affiliata alla Confederação Geral do Trabalho (CGT) portoghese in cui milita anche Germinal de Sousa, e frequenta un corso serale della Scuola Industriale. Nel 1921 assiste al suo primo comizio, celebrato il 1° maggio in favore di Sacco e Vanzetti. Due anni dopo prende parte al suo primo sciopero generale ed entra a far parte delle Juventudes Sindicalistas, di cui sarà  segretario.

Dopo il golpe militare del 28 maggio 1926 diviene un'attivista contro la dittatura portando avanti, tra mille dififcoltà , una pericolosissima attività  clandestina. Nel 1936, rappresenta la CGT al congresso della Confederación Nacional del Trabajo di Spagna. Il 4 luglio 1937, Santana partecipa ad un attentato non riuscito contro il dittatore Salazar. Ricercato dalla polizia politica, si rifugia in Gran Bretagna, ma le autorità  britanniche lo arrestano ed estradano in Portogallo, dove è processato e condannato a 8 anni di prigione e dodici di deportazione. All'avvenuta liberazione, il 23 maggio 1953, riprende l'antifascismo militante e la propaganda in favore dell'anarchismo.

Nel 1961 partecipa ad una nuova cospirazione contro Salazar e nel 1964 entra a far parte dell'Associazione degli Inquilini di Lisbona.

Nel 1974 è co-fondatore del Movimento Libertário Português, della Cooperativa Editora A Batalha che pubblica il giornale anarchico A Batalha (di cui sarà  lungamente direttore) e promotore di iniziative commemorative della rivoluzione spagnola. Nel 1975 è co-fondatore dell'Alleanza Libertaria e Anarco-Sindacalista e partecipa al 20º Congresso del SAC. Nel 1978 è uno dei fondatori del Centro de Estudos Libertários e uno dei promotori dell'Archivio Storico-Sociale, posteriormente donato alla Biblioteca nazionale. Nel 1984 partecipa all'Incontro Internazionale Anarchico (Venezia).

Muore nel 1988 senza aver mai lasciato la militanza anarco-sindacalista, restando sino alla fine un punto di riferimento per tutto l'anarchismo portoghese del XX secolo.

Opere[modifica]

  • Prefácio e anotações a Sousa, Manuel Joaquim de. O sindicalismo em Portugal. Porto, Afrontamento, 1974.
  • História de um atentado: o atentado a Salazar. Mem Martins, Forum, 1976.
  • Memórias de um militante anarco-sindicalista: tempos de luta de adversidade e de esperança. Lisboa, Perspectivas & Realidades, 1987.
  • Onde o homem acaba e a maldição começa: crónicas do mundo dos ex-homens. Lisboa, Assírio e Alvim, 1989.

Voci correlate[modifica]