Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Carlo Jori

From Anarchopedia
Jump to: navigation, search
Carlo Jori

Carlo Jori, detto Mimmo, (Sestri Levante, 25 marzo 1909 - Torino, 24 gennaio 1944) è stato un anarchico italiano.

Cenni biografici[modifica]

Nato a Sestri Levante, si trasferì a Torino dove egli lavorava come operaio meccanico. Nel 1937 fu arrestato per propaganda contro il regime fascista e fu condannato al confinamento in Calabria. Liberato nel 1941, dopo l'8 settembre 1943 fece parte della 21ª Brigata partigiana SAP con il nome di battaglia di Mimmo.

Il 9 gennaio 1944 fu arrestato dalla polizia fascista che trovò delle armi nel suo appartamento di via Artisti 1. Fu torturato, processato e condannato a morte quello stesso giorno. Era ancora in carcere quando il 22 gennaio vi fu un attentato partigiano contro l'albergo Genova, in via Sacchi 14, residenza di militari nazisti. Prelevato dal carcere il 24 gennaio insieme a quattro altri detenuti, gli anarchici Giustino Bettazzi, Brunone Gambino e Maurizio Mosso, e il socialista Aldo Camera, fu fucilato per rappresaglia nel poligono di tiro del Martinetto.

I loro corpi furono portati ed esposti per giorni davanti all'albergo, dove ora una lapide ricorda il crimine fascista. La lettera di addio di Carlo Jori alla madre è riprodotta nel noto libro "Ultime lettere di condannati a morte e di deportati della Resistenza italiana".

Voci correlate[modifica]