Still working to recover. Please don't edit quite yet.

Confederación Nacional del Trabajo

From Anarchopedia
(Redirected from CNT-AIT (Spagna))
Jump to: navigation, search
Nuvola apps xmag.png Per approfondire, vedi CNT.
Logo AIT
Confederación Nacional del Trabajo
Nome ufficiale Confederación Nacional del Trabajo
In Italiano Confederazione Nazionale del Lavoro
Anno di fondazione 1910
Corrente Anarco-sindacalismo
Membro di Associazione Internazionale dei Lavoratori (anarco-sindacalista)
Paese Spagna
Sede centrale Attualmente Cordoba (la sede è itinerante e dipende dalla residenza momentanea del Comitato Nazionale) -
Segretario generale Alfonso Alvarez -
Affiliati 10-50.000 -
Sito Web ufficiale www.cnt.es

La Confederacion Nacional del Trabajo (CNT) è una storica organizzazione anarco-sindacalista fondata nel 1910 a Barcellona. Protagonista in tutta la storia dell'anarchismo spagnolo, fu decisivo il suo ruolo durante la rivoluzione spagnola.


Storia della CNT[modifica]

La CNT trova la sua origine nei centri operai anarchici dei militanti della I Internazionale degli anni 1860. Infatti, la sezione spagnola dell'Internazionale - come la sua sorella italiana – era piuttosto influenzata dalle idee bakuniste.

Bandiera della CNT-AIT.

Nascita[modifica]

Dopo il fallimento della I Internazionale, società  operaie persistettero comunque, in particolare la società  Solidaridad Obrera di Barcellona (nata il 3 agosto 1907). Nel 1910, quest'organizzazione e altre minori si riunirono a Barcellona (secondo congresso di Solidaridad Obrera, Barcellona: 30, 31 ottobre e 1° novembre 1910), dove diedero vita alla costituzione della CNT, creata in opposizione all'Union General de Trabajadores (UGT), sindacato d'ispirazione socialista e legata al PSOE.

Dopo il primo congresso della CNT, nel 1911 (8 settembre), il sindacato fu dichiarato illegale poiché fu il promotore di uno sciopero generale (l'interdizione terminò nel 1911). Dal 1916 le sue relazioni con l'UGT furono in continua evoluzione: le 2 organizzazioni proclamarono insieme lo sciopero generale del 1917 e i legami si infittirono a tal punto che, al secondo congresso della CNT (1919), fu evocata la possibilità  di fusione in nome dell'unità  della classe operaia. Dopo questo congresso, i legami provvisori, sviluppatisi in seno alla III Internazionale, furono approvati dal voto dei militanti. Quando però Angel Lash rientrò dalla Russia e relazionò i militanti anarchici sulle conseguenze reali della rivoluzione bolscevica, i rapporti tra le due organizzazioni si fecero sempre più tesi e i militanti della CNT decisero, nel 1922, di abbandonare il progetto di fusione con l'UGT (prima e durante la rivoluzione spagnola le due organizzazioni collaborarono ad alcune iniziative).

La crisi industriale che colpì la Catalogna nel 1918 spinse molti lavoratori ad assumere posizioni via via più radicali e molti di loro entrarono a far parte della CNT. La borghesia intimorita dall'avanzata del sindacato anarchico rispose con la violenza dei “pistoleros”, ovvero con l'impiego di mercenari paramilitari che avevano lo scopo di "colpire" l'attivismo dei militanti anti-borghesi.

A partire dal 1913 con l'accesso al potere del dittatore Miguel Primo De Rivera, la CNT fu interdetta e costretta a passare nuovamente alla clandestinità . Nel 1927, gli anarchici della CNT, contribuirono alla costituzione della Federazione Anarchica Iberica, impegnata, durante quegli anni, principalmente a mettere in piedi diversi tentativi di destabilizzazione del regime di Rivera. Le due organizzazioni, CNT-FAI, agirono frequentemente di concerto e la FAI apparve ai più come il braccio armato ed illegalista della CNT (frequenti furono le rapine di autofinanziamento).

Insurrezioni pre-rivoluzionarie[modifica]

La CNT nella rivoluzione spagnola[modifica]

Exquisite-kfind.png Vedi, La Rivoluzione spagnola (1936-39) e Barcellona, maggio 1937: inizio della controrivoluzione.

Nel 1936, dopo l'insurrezione franchista, la CNT, ricostituitasi dopo l'instaurazione della prima Repubblica (1931), e forte di due milioni di aderenti, fu una delle principali componenti della rivoluzione spagnola e della resistenza, particolarmente nella città  di Barcellona liberata in poche ore dopo il colpo di Stato del 16 luglio 1936 dall'intraprendenza delle milizie antifasciste, formatesi come evoluzione dei comitati di difesa.

Militanti della CNT-FAI: Francisco Ascaso, Buenaventura Durruti e Gregorio Jover quando facevano parte de Los Solidarios

Il sindacato anarchico, nelle zone sotto il suo controllo, lanciò un vasto movimento di collettivizzazione delle terre e delle industrie. I militanti anarchici, organizzati entro colonne( Colonna Durruti, Colonna di Fer, Colonna Roja y Negra) furono i primi a frapporsi all'avanzata delle truppe franchiste, fianco a fianco dei soldati fedeli della Repubblica e dei militanti marxisti.

Evoluzione del numero degli affiliati alla CNT dal 1911 al 1937

La CNT sviluppò una strettissima collaborazione con la Federazione Anarchica Iberica e dal cui rapporto scaturì l'entrata di elementi faístas nell'organizzazione anarcosindacalista. L'intenzione era quella di favorire la fazione più radicale della CNT, quella denominata “faista”, in opposizione a quella più moderata "treintista" (la treintista è una fazione della CNT chiamata anche posibilistas o moderata di cui Angel Pestana fu un elemento di rilievo).

La strategia degli anarchici della CNT, schiacciati tra l'imperativo della guerra contro i fascisti e l'urgenza della rivoluzione sociale, fu un grande elemento di discordia, sia all'interno del movimento libertario e sia con l'ala comunista della fazione repubblicana. In questo quadro alcuni sindacalisti anarchici scelsero di entrare nel governo repubblicano: Juan Garcia Oliver divenne "Ministro della Giustizia" e Federica Montseny "Ministro della Sanità ".

Per questi militanti la rivoluzione sociale doveva attendere in nome della lotta antifranchista, ritenuta in quella fase storica la priorità  assoluta. Questa scelta fu da tanti criticata e osteggiata, nell'ambito dell'anarchismo nazionale e internazionale, e considerata un tradimento dei principi anarchici e delle istanze rivoluzionarie (in seguito si rivelò anche una strategia fallimentare).

Il seguito della guerra vedrà  il costante indebolimento della CNT, soprattutto a causa delle manovre fortemente autoritarie dei militanti comunisti stalinisti. La fine della guerra, nel 1939, comportò l'inizio di una dura repressione contro gli anarchici, costringendo molti di loro a rifugiarsi nel Sud della Francia, dove contribuirono alla fondazione, nel 1945, della CNT francese.

Durante il franchismo (1939-1975): clandestinità  ed esilio[modifica]

Nuvola apps xmag.png Per approfondire, vedi Franchismo.
Manifesto della CNT-FAI durante la Rivoluzione Spagnola

Nel 1939 la Ley de responsabilidades políticas (Legge di responsabilità  politiche) mise fuori legge la Confederación Nacional del Trabajo (CNT) e si appropriò delle sue proprietà , edifici e attrezzature, veicoli, conti bancari, imprese collettivizzate e documentazione. A quel tempo la CNT aveva un milione di membri e le infrastrutture che la supportavano erano notevoli.

La repressione franchista contro il movimento anarco-sindacalista fu molto dura sin dopo il 1939, ma l'elezione di nuovi quadri di comando e la riorganizzazione del sindacato ricominciò immediatamente nei campi di internamento politico. L'arresto dei leader anarchici comportò enormi difficoltà  organizzative, legate anche al passaggio di alcuni anarchici nel campo dei sostenitori di Francisco Franco, i cosiddetti cincopuntistas. Infatti, nel 1947, diversi anarchici entrarono nel sindacato unico nazionale ma partendo da punti di vista diverse: alcuni abbandonarono l'anarchismo per paura e salirono sul carro dei vincitori, altri invece - come Lorenzo àñigo e Francisco Royano, che a causa della militanza anarchica avevano passato molto tempo in carcere - trovarono convergenze con alcuni leader franchisti in nome dell'anticomunismo, anche se poi non riuscirono a legare mai del tutto con l'apparato del regime. Molti di questi poi ruppero ogni rapporto con i franchisti e di tanti di loro non si seppe più nulla.

Durante il regime (1939-1975), la CNT-AIT operò clandestinamente in Spagna più o meno concordemente con gli altri antifranchisti (comunisti, socialisti, alcune frange cattoliche, intelletuali, ecc.), sviluppando anche attività  “cenetistas” (cioè attività  della CNT) in esilio e continuando la lotta contro Francisco Franco attraverso le azioni dei partigiani (maquistas). In città  come Barcellona e Valencia essa proseguì ad agire clandestinamente mantenendo una forte opposizione al franchismo. Quasi sino alla fine dell'esilio, divergenze tra i militanti fecero perdere loro influenza tra la popolazione, che sembrò ricrescere nuovamente tra gli anni ’60 e ’70, grazie alla penetrazione anarco-sindacalista in organizzazioni operaie cattoliche antifranchiste come Hermandad Obrera de Acción Católica (HOAC) e Juventud Obrera Católica (JOC). In quegli anni la CNT organizzò diverse conferenze in esilio e partecipò come sezione dell’AIT ai lavori dell'internazionale anarco-sindacalista [1].

Morto Franco nel 1975, la CNT rientrò nella legalità  e nel 1979 svolse il suo primo congresso regolare del dopo-franchismo.

Il dopo franchismo[modifica]

Dopo la morte di Francisco Franco, nel 1975, la CNT spagnola poté riorganizzarsi ufficialmente. I sindacalisti rivoluzionari, favorevoli ad una partecipazione alle elezioni sindacali, abbandonarono la CNT nel 1977, per creare la CNT rinnovata o CNT congresso di Valencia, rivendicando però anche il diritto ad utilizzare il nome storico dell'organizzazione. La diatriba tra le due organizzazioni, ovvero su chi fosse legittimato ad adoperare quel nome, finì in tribunale: gli “scissionisti” non ebbero riconosciuto il diritto ad avvalersi della sigla storica, per cui alla fine furono costretti ad utilizzare quello di Confederacion General del Trabajo (CGT).

Sempre nel 1977, il 27 marzo, la CNT tenne a San Sebastian de los Reyes (Madrid) il suo primo grande meeting nazionale dopo la morte di Francisco Franco e la fine della dittatura. Intervennero Fernando Carballo (tornato libero dopo 25 anni di carcere), Juan Ferrer, delegato della regione di Valencia, Luis Andres Edo per la Catalogna, Eduardo Prieto per le Asturie, Garci Rua per l'Andalusia, ecc [2]. Messaggi di solidarietà  e sostegno giunsero da tutto il mondo. L'anno seguente, il 21 marzo 1978,la CNT indisse una manifestazione non autorizzata in cui si commemorava Augustìn Rueda, anarco-sindacalista morto in carcere e a cui parteciparono 400 militanti [3]. Tra l'8 e il 16 dicembre 1979, la CNT svolse a Madrid il suo primo congresso legale del dopo Francisco Franco.

Attualmente la CNT - il cui inno ufficiale è la celeberrima A las barricadas - tiene informati i propri militanti e simpatizzanti attraverso la pubblicazione di «CNT», l'omonimo periodico. Attualmente la CNT è membro dell'AIL.

Tutti i congressi della CNT[modifica]

Congresso Anno Località  Date
Costituzione 1910 Barcellona 30 ottobre - 1 novembre
I 1911 Barcellona 8 - 11 settembre
II 1919 Madrid 10 - 18 dicembre
III 1931 Madrid 11 - 16 giugno
IV 1936 Saragoza 1 - 10 maggio
V 1979 Madrid 8 - 16 dicembre
VI 1983 Barcellona 12 - 16 gennaio
VII 1990 Bilbao aprile
VIII 1995 Granada (Spagna) 6 - 10 dicembre
IX 2002 Perlora, Carreño 1 novembre - 3 novembre

Mappa confederale della CNT[modifica]

Mappa confederale

 Andalucía 
Almería
Cádiz
Córdoba
Granada
Huelva
Jaén
Málaga
Sevilla
 Aragón - La Rioja 
Huesca
Teruel
Zaragoza
La Rioja
 Asturias - León 
Asturias
León
 Canarias 
Las Palmas
Santa Cruz de Tenerife

 Cataluña - Baleares 
Barcelona
Gerona
Lérida
Tarragona
Baleares
 Centro 
àvila
Palencia
Salamanca
Segovia
Soria
Valladolid
Zamora
Madrid
Ciudad Real
Cuenca
Guadalajara
Toledo

 Extremadura 
Badajoz
Cáceres
 Galicia 
La Coruña
Lugo
Orense
Pontevedra
 Levante 
Albacete
Alicante
Castellón
Valencia
 Murcia 
Murcia

 Norte 
Cantabria
Burgos
àlava
Guipúzcoa
Vizcaya
Navarra

Note[modifica]

Voci correlate[modifica]

Collegamenti esterni[modifica]